Lunigiana, Montereggio
Photo ©gabriele
Lunigiana map

Lunigiana

Splendidi itinerari tra castelli, pievi romaniche e ricette

La Lunigiana è una regione storica compresa fra Liguria e Toscana, tra le province della Spezia e di Massa-Carrara, confinante con la Garfagnana. Sull'origine del nome Lunigiana sono state fatte diverse ipotesi dagli studiosi: questo toponimo sarebbe stato tratto dalla forma a falce di luna del porto fluviale di Luni, fondato dai Romani nel 177 a.C. alla foce del fiume Magra.

Il nome si trova nei documenti scritti a partire dalla prima metà del XIII secolo, con la formula di provincia Lunisanae. Con questo termine si identifica oggi, in senso più generale, la vallata del fiume Magra e quelle dei suoi affluenti, mentre in realtà i suoi confini storici sono molto più ampi.

La Lunigiana è una terra di passaggio dove ancora oggi rivive il fascino del Medioevo. Un Medioevo che si fa sentire nei castelli che appartennero ai Malaspina e ospitarono Dante; nelle pievi romaniche; nelle possenti mura medicee di Caprigliola e nella sua elegante torre innalzata dai vescovi conti di Luni.

Terra di confine, incrocio di culture diverse: vi si parla, infatti, un dialetto con influssi liguri, toscani, emiliani e anche la cucina unisce tradizioni di più regioni. Terra battuta in ogni tempo da eserciti e pellegrini, da greggi e carovane di mercanti che ne fanno "un incrocio di strade verso la civiltà".

È qui che si trova il primo tratto toscano della Via Francigena che univa la pianura padana al Tirreno. Su quella stessa strada sono stati recuperati sentieri e mulattiere inseriti in percorsi trekking fra i più suggestivi, costellati da decine di castelli, torri isolate e fortezze che appaiono improvvise, arroccate sui colli e tra il verde delle valli, silenziosi testimoni del passato.

Scoprire questa terra dà la possibilità al visitatore di assaggiare i buonissimi e tradizionali piatti e prodotti locali come i testaroli al pesto, la torta d'erbe, le focaccette di Aulla, il lardo di Colonnata, il panigliaccio di Podenzana  e il pane Marocca di Casola.