Paszkowski

Caffè storici di Firenze: tra eleganza e antichi sapori

I luoghi dei grandi intellettuali del Novecento

L’eleganza e la qualità sono dati costanti delle botteghe di Firenze. In particolare i caffè storici costituiscono una delle pagine più originali della recente storia fiorentina: le riviste letterarie, i movimenti artistici, i grandi poeti italiani del Novecento trovarono sui tavolini dei caffè momenti di ispirazione, di condivisione, di polemica intellettuale lasciando un segno profondo nella città.

Caffé Bianchi
Fu aperto da Pasquale Bianchi nel 1920, come appalto (tabacchi, drogheria, coloniali e caffé), al n. 8r di piazza S. Felice. Nel 1929 il figlio Bruno trasferì il locale a pochi metri di distanza, al n. 5/r, affiancando la vendita di pasticceria e vini. Nel locale funzionava anche una piccola torrefazione di caffé che inondava di aroma tutto il quartiere. Negli anni ’60 subentrò Luciano, figlio di Bruno, che gestisce ancora il locale col figlio Jacopo. Nel 1996 è diventato Caffé Bianchi, e i locali sono stati ristrutturati valorizzando gli arredi, le strutture e lo stile originale. Si segnala il bancone in marmo rosa, la porta e l’insegna in ferro battuto e l’arredo della saletta nel retrobottega.
Caffé Bianchi
piazza San Felice, 5/r
tel. 055 224406


Caffé Concerto Paszkowski
Nato nel 1846 come Caffè Centrale, nel 1904 passò alla famiglia polacca Paskowski che ne fece una birreria. Nei primi decenni del ‘900 fu luogo d’incontro dei letterati ed artisti che ruotavano intorno alle riviste La Voce, Lacerba e Il Selvaggio. Nel 1947, dopo la guerra, fu rimodernato e tornò ad essere un ritrovo di intellettuali, come i poeti dell’ermetismo. Le belle sale, in stile primo Novecento, ospitano anche convegni e sfilate di moda. Nel 1991 il locale è stato dichiarato Monumento Nazionale.
Caffé Concerto Paszkowski
piazza d. Repubblica, 31-35/r
tel. 055 210236


Caffé Latteria Caffellatte
Nata nel 1920 come latteria autorizzata alla «mescita di latte e caffè», occupa i locali già adibiti a macelleria dal 1840, come testimoniano le mensole, i ganci, il bancone e i rivestimenti in marmo. Dal 1984 la nuova titolare, Vanna Casati, ha ricominciato a servire colazioni alla vecchia maniera, con ciotole di caffelatte, pane, burro, marmellata e dolci preparati nella cucina allestita nel retrobottega. Oggi, pur mantenendo il ruolo di latteria di quartiere, il locale è frequentato per la qualità dei suoi prodotti (genuini, biologici, vegetariani, equi e solidali) e per l’atmosfera che vi si respira, della quale fanno parte anche studenti e docenti della vicina Facoltà di Lettere.
Caffé Latteria Caffellatte
via degli Alfani, 39/r
tel. 055 2478878


Caffé Le Giubbe Rosse
Fondato nel 1897 come “Birreria F.lli Reininghaus” divenne, ben presto, il punto di riferimento della numerosa comunità tedesca, mentre i fiorentini lo ribattezzarono “le giubbe rosse” per la strana divisa dei camerieri. L’ambiente internazionale, e la disponibilità dei periodici in consultazione, attirò i giovani intellettuali fiorentini e ne fece il luogo di nascita di riviste letterarie e movimenti artistici. Tra i suoi frequentatori abituali: Papini, Soffici, Palazzeschi, Gadda, Gatto, Pratolini, Vittorini, Montale.
Caffé Le Giubbe Rosse
piazza della Repubblica, 13/r
tel. 055 212280


Gilli
Nel 1733 la famiglia svizzera Gilli apre in via Calzaiuoli “La Bottega Dei Pani Dolci”, che dopo il 1860 si sposta in via degli Speziali, di fronte al Trianon, celebre caffé-chantant. Nel 1890 il locale passa ai Frizzoni, altra famiglia elvetica. Negli anni ‘20 Gilli si trasferisce nella sede attuale, e diventa uno dei caffé letterari dove si incontrano gli artisti dell’epoca (Marinetti, Soffici, Boccioni, Carrà, Palazzeschi, ...). Gli ambienti e gli arredi, perfettamente conservati, risalgono proprio a quegli anni e sono l’unico esempio di caffetteria Belle-Époque rimasta in Firenze. Di particolare interesse il bancone principale, ornato di bronzi di intonazione neo-classica, realizzato nella famosa bottega dei Coppedè.
Gilli
piazza d. Repubblica, 36-39/r
tel. 055 213896


Pasticceria Bar Ruggini
Giuseppe Ruggini iniziò nel 1914 la produzione di biscotti e pasticceria fresca in via de’ Neri, una delle vie più caratteristiche della città, di cui divenne, ben presto, uno dei locali più frequentati. L’attività e la sapienza del fondatore sono passate poi di padre in figlio, fino a Riccardo, il terzo dei Ruggini pasticceri, che offre ai propri clienti la pasticceria fresca a lavorazione giornaliera, raffinate praline e cioccolato di produzione propria. Il locale, ampliato nel 1989, si trova in un edificio storico, ed è coperto da un’unica volta in mattoni. Il forno degli anni ‘60 è tuttora in funzione e sforna ogni giorno i suoi ottimi prodotti.
Pasticceria Bar Ruggini
via dei Neri 76/r
tel. 055 214521


Rivoire
Nel 1872 Enrico Rivoire, torinese e cioccolatiere reale, aprì questo locale come fabbrica di cioccolata. Qui i fiorentini impararono a gustare i cioccolatini e la famosa “cioccolata in tazza” tipici della tradizione savoiarda. Il locale divenne rapidamente famoso, grazie anche alla splendida posizione. Nel 1977 i Rivoire passarono la mano ai fratelli Bardelli, che mantengono tutte le caratteristiche artigianali della produzione: dalla tostatura del cacao alla confezione dei prodotti. Numerose le specialità della casa, con ricette originali garantite da un’alta percentuale di cacao. L’ambiente, in stile primi Novecento, è certamente piacevole, ma non può competere con una cioccolata al tavolino, di fronte al Palazzo della Signoria illuminato dal tramonto.
Rivoire
piazza della Signoria, 5/r
tel. 055 214412


Robiglio
Il piemontese cav. Pietro Robiglio, dopo esperienze di fornaio e pasticcere a Milano e Verona, nel 1928 aprì a Firenze la sua prima bottega, creandosi in poco tempo una raffi nata e affezionata clientela. Il figlio Pier Luigi, pur dotato di piglio imprenditoriale, mantenne l’originale impronta artigianale nella lavorazione dei prodotti ed Edoardo, suo figlio, continua nel solco della tradizione. Oggi Robiglio è una moderna pasticceria dove, tuttavia, si possono apprezzare anche le specialità di una volta: la “Torta Campagnola”, il “Fruttodoro” o le “Gallette al latte”. Parte degli arredi del locale sono stati ricostruiti sugli originali, in parte danneggiati dall’alluvione del 1966. Altre sedi della ditta si trovano in via Tosinghi e in viale S. Lavagnini.
Robiglio
via dei Servi 112/r
tel. 055 212784


Vivoli Piero Il Gelato

Nel 1929 Serafino Vivoli fondò una Latteria che ben presto divenne un gradevole punto di ritrovo dove prendere il caffé e comprare la panna montata la domenica. Affiancatosi il fratello Raffaello, nel 1932 i fratelli Vivoli decisero di cimentarsi nella produzione del gelato. Il ghiaccio naturale proveniva dal Saltino, sopra Vallombrosa, dov’era prodotto in inverno e conservato nelle ghiacciaie fino all’estate. Il trasporto in città si doveva fare di notte, per limitare lo scioglimento. Fu Piero, figlio di Raffaello, che tra gli anni ’60 e ’70 portò all’apice la fama della gelateria, citata sulle guide turistiche quasi fosse un monumento. Gli eredi continuano l’attività della gelateria con passione, affiancandole ora anche un laboratorio artigianale di pasticceria.
Vivoli Piero Il Gelato
via Isola delle Stinche, 7/r
tel. 055 292334

 

Clicca qui per vedere la mappa