Frutta, verdura e dolci

Il fungo di Borgotaro IGP

Un ingrediente speciale nella cucina italiana

style
Categoria
Frutta, verdura e dolci
place
Provenienza
Provincia di Massa Carrara
stars
Denominazione
IGP
home
Consorzio di riferimento
Consorzio del Fungo di Borgotaro
Sono moltissimi i prodotti tipici della Toscana che, da anni, vengono portati sulle tavole dei buongustai. Uno tra tutti è il fungo di Borgotaro IGP, un’eccellenza che nasce nella zona “alta” della regione e che vanta un’antica origine storica.
 
Già dal 1700, il porcino costituiva una buona fonte di reddito per le famiglie locali; a partire dalla fine del ’800, è stato possibile porre le basi per una produzione e commercializzazione moderna e razionale del prodotto.
Fungo di Borgotaro IGP - Credit: nardi - Fungo di Borgotaro

Quando si parla di “fungo di Borgotaro”, si fa riferimento a quattro varietà distinte: il Boletus aestivalis (o “fungo rosso”), il Boletus pinicola (o “moro”), il Boletus aereus (o “magnan”) e il Boletus edulis (o “fungo del freddo”).

Il fungo di Borgotaro si caratterizza per un aroma profumato e un odore pulito, non piccante e senza inflessioni di fieno, liquirizia, legno fresco; caratteristiche organolettiche di qualità e di pregio che lo differenziano da produzioni similari di altre zone.

Zona di produzione
L'area di produzione del fungo di Borgotaro - Credit: Fungo di Borgotaro

La zona di produzione del fungo di Borgotaro si estende ai comuni di Borgotaro e Albareto in provincia di Parma e ai comuni di Pontremoli e Zeri, in provincia di Massa Carrara.

In cucina
Raccolta di funghi in Toscana - Credit: magicmanuel - Fungo di Borgotaro

I funghi rappresentano un ingrediente ideale nella tradizionale cucina italiana: sott’olio, trifolati in padella, alla piastra, crudi in fette sottilissime con scaglie di formaggio, nei sughi e nella pasta.

 

Info: fungodiborgotaro.com

&
Enogastronomia