Skip to content
Mercato

5 mercati per buongustai in Toscana

Alla scoperta dei sapori più autentici del territorio

Il segreto per scoprire i sapori più autentici della Toscana e i suoi prodotti tipici? Visitare uno dei tanti mercati, da quelli delle principali città a quelli dei piccoli paesi, ognuno con la sua storia, ognuno con la sua atmosfera.

Per aiutarvi a scegliere, ecco 5 mercati tra città d'arte e borghi. Una piccola guida dedicata a tutti i viaggiatori gourmet.

Indice
  • 1.
    I mercati di Firenze
  • 2.
    Il mercato di Livorno
  • 3.
    Il mercato di Greve in Chianti
  • 4.
    Il mercato di Pisa
  • 5.
    Il mercato di San Gimignano
1.

I mercati di Firenze

Il Mercato Centrale di Firenze
Il Mercato Centrale di Firenze - Credit: Rufus46 / WikiCommons

Nel cuore di Firenze c'è lo storico Mercato Centrale di San Lorenzo, ospitato nell'originale struttura ottocentesca in ferro e vetro, progetto dell’architetto Mengoni ispirato alle Halles parigine. Al piano terra si possono acquistare tutti i prodotti tipici locali, dalle verdure alla carne, dal pane ai dolci, dal formaggio ai vini; è il posto perfetto anche per una pausa pranzo a base di vero "street food fiorentino", come un panino al lampredotto accompagnato da un bicchiere di Chianti. Al primo piano, in un grande spazio totalmente rinnovato, sono ospitate più di 20 realtà enogastronomiche che permettono degustare piatti tipici locali e internazionali.

L'altro storico mercato fiorentino è quello che tutte le mattine anima il quartiere di Sant'Ambrogio. Per chi desidera acquistare prodotti biologici direttamente dalle mani dei piccoli agricoltori e creazioni artistiche dalle mani degli artigiani, l'appuntamento da non mancare è quello con la Fierucola che si tiene in Piazza Santo Spirito ogni terza domenica del mese.

1.

Il mercato di Livorno

Il Mercato delle Vettovaglie di Livorno
Il Mercato delle Vettovaglie di Livorno - Credit: Fabiana Matteini

Un altro splendido mercato d'ispirazione parigina è quello di Livorno, il Mercato delle Vettovaglie, uno dei più grandi mercati coperti d’Europa, costruito nel 1894 lungo il Fosso Reale su progetto dell'architetto Badaloni. Qui tra i banchi di frutta, verdura e salumi spicca il padiglione dedicato al pesce, ovviamente freschissimo. Inutile precisare che questo è il posto ideale per acquistare gli ingredienti per un perfetto e saporito cacciucco alla livornese.

1.

Il mercato di Greve in Chianti

Il mercato di Piazza Matteotti, Greve in Chianti
Il mercato di Piazza Matteotti, Greve in Chianti - Credit: enjoychianti - pagina FB

Uno dei mercati da non perdere tra quelli ospitati nei borghi toscani è quello di Greve in Chianti, attivo sin dal 1300. Ogni sabato mattina nella centralissima piazza Giacomo Matteotti si può curiosare tra le creazioni dell'artigianato locale - come i cesti di paglia - e i prodotti tipici del territorio, dal pecorino al Chianti Classico. Per concludere la mattinata, niente di meglio di un pranzo in una delle botteghe o ristoranti ospitati nel bellissimo portico che circonda la piazza: un panino con la sbriciolona o con la salsiccia di cinghiale, oppure un tagliere di affettati e formaggi, o ancora un piatto toscano doc come la pappa al pomodoro. 

1.

Il mercato di Pisa

Il mercato di Piazza delle Vettovaglie a Pisa
Il mercato di Piazza delle Vettovaglie a Pisa - Credit: jacqueline.poggi

Il Mercato in Piazza delle Vettovaglie a Pisa è aperto tutti i giorni, mattina e pomeriggio, e dalla piazza si allunga nelle vie adiacenti, con i suoi banchi di frutta, verdura e di altre specialità alimentari. Si tratta di uno degli luoghi più caratteristici e autentici della città della Torre Pendente, un angolo vivace che invita a fermarsi per scattare foto coloratissime, ma anche per bere un calice di vino in compagnia.

1.

Il mercato di San Gimignano

Zafferano di San Gimignano DOP
Zafferano di San Gimignano DOP

Il mercato settimanale di San Gimignano si tiene il giovedì nel magnifico centro storico di uno dei borghi più belli della Toscana, tra piazza Duomo, piazza della Cisterna e piazza delle Erbe. Passeggiando all'ombra delle torri si possono acquistare i prodotti tipici della Valdorcia, come il Pecorino Toscano DOP, lo Zafferano di San Gimignano DOP o i salumi di pregiata Cinta Senese, senza ovviamente tralasciare il vino locale: la Vernaccia di San Gimignano DOCG il vino Orcia DOC.

Inizia la scoperta

Luoghi da non perdere, percorsi tappa per tappa, eventi e suggerimenti per il tuo viaggio
Eventi • 26 risultati
Idee • 178 risultati
Itinerari • 42 risultati
Sapori • 90 risultati
Diari di viaggio • 19 risultati