Skip to content
Villa San Martino, Elba

5 buoni motivi per andare all’Isola d’Elba quest’estate

Non solo spiagge e mare cristallino: ecco altri 5 ottimi motivi per una vacanza indimenticabile sull’Isola d’Elba

Se le calette nascoste, la sabbia dorata ed il mare limpido non vi hanno ancora convinti a passare qualche giorno all’Elba, vi proponiamo 5 esperienze che vi invoglieranno a salire sul primo traghetto disponibile!
Dalle esperienze nelle riserve naturali ai tour minerari nel ventre dell’isola, senza rinunciare al piacere della tradizione enogastronomica, ecco 5 motivi per passare le vacanze in quest’isola incantevole.

Indice
  • 1.
    Natura e biodiversità
  • 2.
    Sport
  • 3.
    Viaggio nelle miniere
  • 4.
    Sulle tracce di Napoleone
  • 5.
    Enogastronomia
1.

Natura e biodiversità

Parco Arcipelago Toscano
Parco Arcipelago Toscano

L'Elba è un autentico paradiso naturale ed insieme alle altre sei isole toscane fa parte del Parco Nazionale dell’Arcipelago toscano
Una tappa da non perdere è il Santuario delle farfalle sul Monte Perone dove ammirare cinquanta specie di farfalle tra cui alcune rarissime, come la farfalla di San Piero (Zerynthia cassandra linnea Bryk, 1932), endemica solo di quest'area.
L’isola è parte integrante del Santuario Internazionale per la protezione dei Mammiferi Marini Pelagos - un’area marina protetta fra Italia e Francia - in cui convivono balenottere, capodogli, delfini e oltre 8500 specie marine diverse.
Infine l’Elba fa parte anche della Riserva della Biosfera Isole di Toscana dove vivono molte specie di animali diverse, alcune rare, come  il gabbiano rosso e il falco pellegrino

1.

Sport

Bike sul mare
Bike sul mare - Credit: Guida Mountain bike Elba

Oltre ad essere un paradiso per tutti gli amanti degli sport acquatici, l’Elba, è il posto ideale per gli appassionati di trekking e grazie ai suoi sentieri si presta particolarmente ad esplorarla a piedi.
Tra i numerosi itinerari proposti, la Grande Traversata Elbana è senza dubbio il più spettacolare: un percorso trekking grandioso, considerato una delle più belle traversate escursionistiche d’Italia, che si svolge principalmente su crinale e si può percorrere totalmente in quattro o cinque giorni o anche a tappe singole.
Gli appassionati di bike più allenati possono percorrere un itinerario che parte dalla spiaggia della Paolina e arriva nell'entroterra elbano, fra splendidi panorami che spaziano dai boschi di castagni alla fresca pineta del Monte Perone fino alla bellissima costa dei Gabbiani.
Invece, attraversando la parte orientale dell’isola - da Porto Azzurro a Cavo- si percorre la cosiddetta Coda del Pesce, un itinerario di 35 km che parte dalla piazza di Porto Azzurro e tocca la spiaggia di Barbarossa, il laghetto di Terranera e l’Eremo di Santa Caterina

1.

Viaggio nelle miniere

Miniere di Capoliveri
Miniere di Capoliveri - Credit: Elena Tedeschi

Esplorare il sottosuolo e ammirare le ricchezze che racchiude: un viaggio underground che parte dal Museo Minerario di Rio Marina e porta alla scoperta delle aree minerarie a cielo aperto nei principali giacimenti di Rio Marina e Rio Albano: Bacino, Valle Giove, Falcacci e Conche.
Le attività proposte sono numerose: si può visitare la miniera a bordo del caratteristico trenino che conduce alla scoperta delle miniere più importanti e antiche - durante la visita viene effettuata una sosta al suggestivo e imponente cantiere di Valle Giove, per cercare campioni di pirite ed ematite da conservare - o vivere un’avventura a bordo di un vero mezzo militare - un VM90, 8 posti -  attraverso suggestivi percorsi off-road alla scoperta dei cantieri minerari e dei più famosi minerali elbani.

1.

Sulle tracce di Napoleone

Villa dei Mulini, interno
Villa dei Mulini, interno - Credit: Sailko

Il 3 maggio del lontano 1814, Napoleone Bonaparte arriva a Portoferraio per scontare il suo esilio, anche se in verità viene nominato "imperatore" dell'isola.
Sono passati più di 200 anni da quel momento e oggi, visitare l'Elba può anche essere l'occasione per scoprire le ricchezze e le testimonianze che ha lasciato.
Villa dei Mulini, ad esempio, è una delle residenze di Napoleone e si trova nel centro storico di Portoferraio: deve il suo nome all'esistenza di alcuni mulini a vento prima dell'arrivo di Napoleone sull'isola.
Sempre a Portoferraio, poi, si trova anche la Villa San Martino che è il risultato di un ampliamento di una casa rustica, voluto proprio dall'imperatore.

1.

Enogastronomia

Polpo
Polpo - Credit: StockSnap

Anche la cucina può essere un ottimo motivo per viaggiare: le tradizioni enogastronomiche dell’Isola d’Elba sono il frutto della storia di questo territorio che da sempre affascina i popoli ed intreccia le storie di chi vi arriva.
Mare, miniere, natura sono i tratti distintivi dell’isola e raccontano di intrecci e scambi culturali.
A partire dalla schiaccia briaca - un dolce dalla forte influenza orientale - fino ad arrivare al polpo e al famoso aleatico passito dell’Elba - un nettare dolce da meditazione molto amato da Napoleone durante il suo esilio elbano - i sapori semplici ma decisi della cucina elbana vi conquisteranno da subito!



Nei dintorni

Luoghi da non perdere, percorsi tappa per tappa, eventi e suggerimenti per il tuo viaggio
Eventi • 2 risultati
Idee • 70 risultati
Itinerari • 21 risultati
Diari di viaggio • 3 risultati