fb track
Castello di Lucignano, Chianti

Per castelli nel Chianti

Un percorso per ammirare castelli spettacolari immersi tra i vigneti

Prima tappa
Castello di Lucignano
Castello di Lucignano nel Chianti
Castello di Lucignano nel Chianti - Credit: Mirella Bruni

Il nostro viaggio può iniziare dal Castello di Lucignano, nel Comune di Gaiole in Chianti. Testimonianze etrusche e romane ci dicono che l’area fosse già popolata in tempi molto antichi e per certo l’edificio era già presente intorno all’anno 1100, come documentano delle carte rinvenute a Coltibuono. Furono i Baroni Ricasoli a trasformarlo in una tenuta agricola e ancora oggi i vitigni di Sangiovese del castello regalano le uve per il Chianti Classico DOCG.

Seconda tappa
Fattoria di San Giusto a Rentennano
San Giusto a Rentennano
San Giusto a Rentennano - Credit: Mirella Bruni

Dirigendosi verso la meta successiva, Lucignano ci accompagna ancora un po’, sulla destra, con una vista sulle sue vigne. La strada per San Giusto a Rentennano si trova poco dopo sulla destra; è sufficiente percorrere il viale alberato per raggiungere la Fattoria. Edificata sopra un antico monastero, è stata poi trasformata in fortezza e attualmente è avvolta da più di 150 ettari di terreno: questi campi, lavorati quasi interamente con i metodi della tradizione, producono il tipico vino, ma anche vin santo e olio.

Terza tappa
Castello di Tornano
La regione del Chianti
La regione del Chianti - Credit: Shutterstock.com / Claudio Giovanni Colombo

Seguendo per un tratto il corso del fiume Arbia, si attraversa una distesa di vigneti fino al bivio per Tornano. Il castello, di origini medievali, si trova totalmente immerso nel bosco ed è un'oasi di pace dove degustare i prodotti dell’azienda.

Quarta tappa
Castello di Monteluco
Monteluco a Lecchi
Monteluco a Lecchi - Credit: Mirella Bruni

Rientrando sulla strada principale, si può scegliere di salire verso la località Lecchi, dove si innalza il Castello di Monteluco, che, nato come fortificazione, conserva ancora in parte le antiche mura e una vecchia torre di difesa. Da qui si prosegue dunque per la prossima destinazione, con la campagna chiantigiana che continua a fare da sfondo al nostro avventurarsi per borghi speciali.

Quinta tappa
Castello di Ama
Castello di Ama, Chianti
Castello di Ama, Chianti - Credit: Arturo Pallanti

Del Castello di Ama, splendido abitato, si hanno notizie dal XIII secolo, anche se già gli Etruschi gravitavano in questa zona. Il villaggio è un insieme di ville storiche, chiese e case molto caratteristiche, che fanno respirare un’atmosfera fiabesca. L’azienda vinicola ha la caratteristica di aver realizzato nella proprietà un parco di opere d’arte contemporanea.

Sesta tappa
San Polo in Rosso
San Polo in Rosso
San Polo in Rosso - Credit: LigaDue

Il nostro viaggio sta per giungere a termine e un finale degno di tutto questo spettacolo è il Castello di San Polo in Rosso, affascinante borgo medievale. Per molto tempo conteso tra Firenze e Siena, fu poi a lungo proprietà dei Ricasoli; arroccato a 500 metri di altitudine, è una postazione privilegiata per rimirare il paesaggio collinare ai suoi piedi e assorbire tutta l’essenza del Chianti.

&
Enogastronomia