fb track
Filetto (Villafranca in Lunigiana)

Villafranca in Lunigiana

Lungo la via Francigena, tra sapori unici e itinerari naturalistici

Il borgo di Villafranca in Lunigiana è un perfetto diorama della dimensione più concretamente contadina di questa storica regione della Toscana. Villafranca si trova inoltre lungo il percorso della Via Francigena, e sia nel cuore del paese che nelle sue numerose frazioni è possibile ammirare notevoli vestigia dell’importante passato medievale di queste terre.

In posizione strategica e pittoresca, in prossimità del guado del fiume Magra, il centro storico di Villafranca offre come biglietto da visita le rovine del Castello di Malnido, edificato dai Malaspina a partire dal 1100, la fortezza, un valido presidio lungo la Francigena per il ramo ghibellino dei Malaspina, risultava pressoché integra prima dei bombardamenti della seconda guerra mondiale: oggi ne rimangono resti non privi di fascino, che sarebbe forse possibile restaurare significativamente. Altre note medievali sono costituite dalla cinta muraria e dalle altre fortificazioni visibili dalla parte opposta del borgo, attigue alla chiesa di San Giovanni.

Il territorio di Villafranca in Lunigiana è punteggiato di diverse frazioni, tutte dotate di no spiccato carattere. La più nota è probabilmente Filetto, un borgo murato che presenta un singolare impianto urbano quadrilatero di fondovalle, caratteristiche proprie dei centri di fondazione. Di probabile origine bizantina, il nucleo originario è costituto da un recinto con quattro torri angolari di pianta circolare, che subì importanti trasformazioni nel XV e XVI secolo con il “raddoppio” del borgo verso est e l’inserimento dell’asse viario all’interno della nuova cinta muraria, in cui vennero aperte le due porte monumentali. Oggi noto soprattutto per le sue feste estive, Filetto ha riscosso un certo successo sia per le rievocazioni medievali e i mercati dell’antiquariato, che per le mostre e le conferenze sull’arte contemporanea tenute presso lo storico Palazzo Cavalli.

Di sicuro interesse è il Museo Etnografico della Lunigiana: al suo interno si possono ammirare gli attrezzi agricoli e pastorali, gli strumenti artigianali, e gli oggetti d’uso comune, personale e domestico, nonché quelli magico-protettivi e di devozione provenienti da tutto il territorio della Lunigiana. Particolarmente significativa è la sede del museo, ospitata negli edifici dei mulini trecenteschi della comunità di Villafranca.

Quello di Villafranca è un territorio particolarmente indicato per gli amanti della natura e del trekking. La frazione di Malgrate, ad esempio, uno dei più antichi borghi di tutta questa parte di Regione, domina l’ingresso della valle del torrente Bagnone, lungo il quale persistono numerosi mulini ad acqua, alcuni dei quali visitabili e tuttora operanti. Sentieri e mulattiere – che solcano con le loro traiettorie tutto il panorama – sono state nel tempo utilizzate per la pastorizia di tipo stagionale, nonché percorse dai tagliatori di boschi, dai carbonai, e dai trafficanti di ogni tipo e genere di merce, al servizio dei pellegrini e di tutti i viandanti che percorrevano la via Francigena.

Tutta da scoprire, come nel resto della Lunigiana, è la cucina. Oltre a tutto il set di cibi tradizionali lunigianesi, qui dominano la tavola i piatti a base di farina di castagne, come la pattona: una torta cotta nei testi di terracotta (o di ghisa), servita con formaggi teneri di latte vaccino; o le lasagne bastarde, costituite da una sfoglia di farina di castagne mista a farina di grano, tagliata a riquadri, cotta in acqua e condita con olio e formaggio o sugo di porri.

&
LE ATTRAZIONI PIù RICERCATE A  Villafranca in Lunigiana
&
Il territorio
Lunigiana, Montereggio

Lunigiana

Antiche città di passo, castelli isolati e splendidi itinerari
Estremo lembo di Toscana, la Lunigiana è una regione storica compresa fra Liguria e Toscana. Persa tra valli che si aprono ai piedi del fronteggiarsi delle due catene montuose dell’Appennino ...
Approfondiscikeyboard_backspace