Autunno in cucina: 3 ricette con i Marroni del Mugello

Qual è il simbolo del Mugello? Quella cosa che dà identità e carattere ai territori di Borgo San Lorenzo, Marradi, Palazzuolo sul Senio, Scarperia, Vicchio, Dicomano, Londa, Rufina e San Godenzo? Ma l’albero del castagno, ovviamente.

Il marrone è da sempre un importante alimento per la comunità locale. Nel periodo autunnale, si è soliti preparare delle dolci ricette a base di marroni. Ecco 3 esempi:

1. Budino di marroni

Cosa vi serve (per 4 persone): 500 gr di marroni, 500 ml di latte, 50 gr di zucchero, 100 gr di mandorle, 150 gr di panna liquida e frutta candita.

Come si prepara: spellare i marroni e farli cuocere in mezzo litro di latte aromatizzato alla vaniglia, passate poi al setaccio con il suo liquido e incorporare 50 gr di zucchero e mandorle passate e tritate. Quando tutto questo sarà ben amalgamato togliere dal fuoco e unire la panna liquida. Versare il composto in uno stampo a strati con la frutta candita. Aspettare che si raffreddi e mettere in frigo per qualche ora.

2. Montebianco

Cosa vi serve (per 8 persone): 1,5 kg di marroni, 400 gr di zucchero, 50 gr di cacao amaro, 1 bicchierino di rum, un po’ di latte bollente.

Come si prepara: Bollire i marroni e pelarli a caldo. Sciogliere lo zucchero con il cacao in latte bollente, incorporarlo all’impasto e unire un bicchierino di rum. Passarlo con il passaverdura su un piatto da portata in modo che rimanga soffice a formare il monte e ricoprirlo di panna montata zuccherata. Può essere servito così o guarnito con marron glacés e scaglie di cioccolato.

3. Torta di marroni

Cosa vi serve (per 8 persone): impasto: 1 kg di marroni, 1 litro di latte intero, 7 uova, 500 gr di zucchero, 50 gr di alchermes, 1 bustina di vanillina, un pizzico di cannella, un pizzico di sale. Per la sfoglia: 150 gr di farina, una grossa noce di burro, un cucchiaio di zucchero, latte quanto basta per impastare.

Come si prepara: prendere i marroni, inciderli e cuocerli sul fuoco o in forno. Una volta sbucciati e lavati devono essere messi in una pentola a cuocere con metà acqua e metà latte ed insaporiti con una bustina di vanillina, un pizzico di cannella in polvere e di sale.

Mescolare e continuare a cuocere per tre quarti d’ora a fuoco basso fin quando si ottiene una poltiglia omogenea. Passare il composto con il passaverdura. Prendere mezzo chilo di passato di marroni e metterlo in una grossa ciotola insieme a 3 uova grandi o 4 piccole, 250 gr di zucchero, 30 gr di alchermes, mezza bustina di vanillina. Mescolare il tutto aggiungendo 400 gr di latte. stando attenti a non lasciare grumi. Lasciare riposare.

Nella spianatoia mettere tutti gli ingredienti per la preparazione della sfoglia. Amalgamare il tutto sino a formare una palla liscia e consistente. Con il mattarello o la macchina per la pasta tirare una sfoglia finissima, quasi trasparente. Rivestire con la sfoglia una teglia precedentemente imburrata e versarvi il composto che dovrà avare un’altezza di circa 4 cm. Infornare per circa 2 ore e 30 minuti a una temperatura di 150-160 gradi.

 

Info: mugellotoscana.it

&
Enogastronomia