Serravezza

Seravezza

Tra le cave più amate da Michelangelo e la porta di accesso alle Alpi Apuane

Leggi la storia Seravezza su logo toscana ovunque bella Seravezza Seravezza. La via dei Marmi e l'ambizioso sogno di Michelangelo Alla scoperta di Seravezza, cuore della Versilia fiorentina, tra suggestioni michelangiolesche, pregiati marmi ed architetture patrimonio UnescoLeggi la storia

Risalire il fiume Versilia e scoprire dove nasce dall’unione di due torrenti, esplorare l’interno di questa regione nota per il mare, certo, ma anche per le maestose montagne che ne incorniciano i paesaggi, scoprire borghi tra i boschi e sapide tradizioni culinarie… Per farlo non c’è modo migliore che visitare Seravezza, tra antiche cave di marmo, montagne boscose e scenari radicalmente diversi da quelli patinati della linea di costa.

Corvaia e Vallecchia: ecco i nomi delle famiglie nobiliari che più influirono sulla storia medioevale di questo antico borgo – anche se la storia di Seravezza affonda le sue radici sino all’epoca romana, quando tutta questa zona fu oggetto di una importante opera di bonifica. Il crollo dell’Impero portò al declino dell’antico paese che rinacque più avanti, in pieno Medioevo, conquistando piena autonomia nel 1515. E se il periodo d’oro di Seravezza è stato certamente il XVIII secolo, già agli inizi dell’Ottocento cominciò il declino di questo territorio.

Oggi Seravezza attira i viaggiatori grazie alla cornice silvestre e intatta in cui è inserita e poi grazie alla posizione che ne fa la naturale porta d’ingresso al Parco delle Alpi Apuane dal versante della Versilia. Il borgo, caratterizzato dal confluire dei torrenti Serra e Vezza, che unendosi proprio nel cuore del paese danno vita al fiume Versilia, è un centro in cui è piacevole passeggiare all’ombra delle maestose montagne e appena fuori dai boschi che coprono col loro intrico le zone interne della Versilia. Di particolare pregio storico-architettonico, nel centro antico soggiornarono a più riprese Cosimo I e i suoi successori, Francesco I e Ferdinando I.

Il monumento di maggiore impatto è senza dubbio lo splendido Palazzo Mediceo, edificato su richiesta di Cosimo I De’ Medici. Il palazzo, i cui lavori furono ultimati nel 1565, è ora sede di un museo. Le attrazioni però non finiscono qui, chi è appassionato di storia dell’arte potrebbe stupirsi nello scoprire che le cave preferite da Michelangelo per la realizzazione di tante delle sue sculture erano proprio quelle oggi dismesse (ma visitabili) alle spalle di Seravezza.

Tante poi le feste (religiose e non) che si tengono a Seravezza e nelle sue frazioni, occasioni che da sempre (soprattutto d’estate) non mancano di attirare i visitatori, sia toscani che liguri.

&
LE ATTRAZIONI PIù RICERCATE A  Seravezza
&
Il territorio
Versilia, Viareggio

Versilia

Dalle spiagge alle Apuane in una terra di tradizione e divertimento
Spiagge dorate, un entroterra di piccoli borghi e parchi naturali da scoprire, un clima mite e una vita notturna ricca di spettacoli e intrattenimento: tutto questo è la Versilia. ...
Approfondiscikeyboard_backspace