Operaio della Felici di Prato al lavoro
shopping_cartShopping

Felici Prato, cinque secoli di terra, di acqua e di fuoco

L’antica ditta pratese produce stufe in terracotta divenute ormai oggetti d’arte

Prato

Una produzione unica nel suo genere, che va avanti ininterrottamente dal 1575, quando nell’archivio del comune di Prato si registrava la famiglia Felici come fabbricanti di "orci, cardini per fuoco et veggi in terracotta." Oggi il marchio Felici è famoso soprattutto per la produzione delle magnifiche stufe, facendo bella mostra di sé anche nelle grandi riviste di arredamento come AD: "Le nostre stufe - dice Piero Felici che ha trasferito recentemente l’attività da Figline di Prato a Montemurlo sono anche un ricercato complemento di arredo, ma non hanno certo perduto la loro funzione originaria: chi le possiede sa che il loro calore è qualcosa di profondamente diverso da quello dei soliti termosifoni." I Felici acquistarono nel 1583 dalla famiglia Migliorati la fornace di Figline, facendone il caposaldo di una produzione che si sarebbe protratta nei secoli andando a incrementare la ricchezza ed il prestigio sociale della famiglia. Nell’Ottocento la produzione assunse una dimensione industriale: le maggiori soddisfazioni da un punto di vista commerciale derivarono dalla produzione della stufa "Franklin", concepita come un manufatto a sé stante rispetto alle pareti della casa e quindi in grado di essere spostato all’occorrenza. Altre innovazioni tecnologiche contribuirono al successo dei prodotti, realizzati per sfruttare sempre di più le superfici radianti e i fumi caldi all’interno del corpo delle stufe. Tra il 1930 e il 1950 dallo stabilimento della Felici di Prato uscivano ventimila stufe l’anno, finché l’avvento dei riscaldamenti a gasolio e gas decretò la fine dell’importante produzione, che negli anni d’oro era celebre quanto quella dei blasonati marchi di elettrodomestici odierni. Oggi la produzione della Felici si rivolge ad una clientela raffinata, che non si accontenta degli anonimi termosifoni: tra coloro che sono rimasti affascinati dalle stufe della famiglia pratese ci sono da segnalare celebri personaggi dello sport e dello spettacolo tra i quali Enzo Ferrari, Gilles Villeneuve, Lucio Dalla, Enrico Tognazzi, Mogol, Gino Poali. Personalità prestigiose hanno insomma riscoperto il fascino della stufa in terracotta insieme a migliaia di italiani che ne hanno conservata una, testimonianze di un’arte che affonda le proprie radici nella storia della regione.

 

Prato
Dal Medioevo all'avanguardia in una città da scoprire
Una città che non mancherà di stupire gli amanti delle destinazioni meno inflazionate è Prato. In molti infatti, anche a causa di come il luogo viene spesso presentato sulla stampa, si stupiranno, visitandolo, di scoprire un centro storico elegante e ben conservato, all’altezza dei nuclei medievali di tante delle più note città toscane. ...
Approfondiscikeyboard_backspace