Castello dell'Imperatore di Prato
location_cityArchitetture

Il castello dell'imperatore di Prato

Architettura di notevole importanza voluta dall'imperatore Federico II di Svevia

Piazza Santa Maria delle Carceri
Unico esempio di architettura sveva nell'Italia centro-settentrionale, fu edificato dall'architetto siciliano Riccardo da Lentini fra il 1237 e 1248 per volere dell'imperatore Federico II di Svevia. Il castello ha pianta quadrata potenziata agli angoli da torrioni, anch'essi a pianta quadrata; altre torri sono inserite a metà dei lati: quelle sui lati orientali e meridionali hanno una originale pianta pentagonale mentre quelle sugli altri due lati - in origine molto più alte e  utilizzate come punti di avvistamento - furono inglobate dal precedente palatium. La struttura in alberese, è coronata da una merlatura ghibellina "a coda di rondine" ripristinata nel 1933.

Federico II non giunse mai a Prato, ma la fortezza fu abitata dal suo vicario in Toscana, incaricato di presidiare la strada che collegava il Sacro Romano Impero con l'Italia meridionale e la Sicilia attraverso il passo appenninico di Montepiano e la valle del Bisenzio. Simboli imperiali sono i leoni di Svevia scolpiti ai lati del portale d'accesso, in serpentino verde e alberese, così come il timpano classico ricorda il potere imperiale della Roma dei Cesari. Nel corso del XIV secolo il governo fiorentino trasformò l'edificio in presidio militare e prigione, collegandolo alle mura trecentesche attraverso un camminamento coperto: il Cassero.  Dall'interno si accede all'ampio cortile e alle sale delle torri. Una scala all'interno del torrione sull'angolo orientale permette di raggiungere il camminamento superiore che corre lungo tre lati del perimetro. Da qui si gode un magnifico panorama sui monumenti cittadini e sulle colline e la piana circostante. All'interno delle torri sono ospitate interssanti opere dell'artista contemporaneo Salvatore Cipolla che richiamano, per simboli, all'epoca di Federico II.  Nel periodo estivo il castello diviene spazio adibito a manifestazioni, concerti e proiezioni cinematografiche all'aperto.

Accesso handicap:

PARZIALE, In fase di costruzione un ascensore dedicato

Contatti:

piazza Santa Maria delle Carceri e viale Piave
PRATO (PRATO)
Telefono: 0574 38207 (Castello);
 0574 1835025 (Comune di Prato. Servizio Cultura)

 
Prato
Dal Medioevo all'avanguardia in una città da scoprire
Una città che non mancherà di stupire gli amanti delle destinazioni meno inflazionate è Prato. In molti infatti, anche a causa di come il luogo viene spesso presentato sulla stampa, si stupiranno, visitandolo, di scoprire un centro storico elegante e ben conservato, all’altezza dei nuclei medievali di tante delle più note città toscane. ...
Approfondiscikeyboard_backspace