Sna Gimignano

San Gimignano

La Manhattan del Medioevo, tra arte e vini pregiati

Leggi la storia San Gimignano su San Gimignano fra torri e colline Centro storico patrimonio Unesco, fra Via Francigena e campagna, torri memoria di una storia antica ma coraggiosamente contemporanea.Leggi la storia

Con la sua selva di torri che si stagliano all’orizzonte, San Gimignano è una delle mete più iconiche e riconoscibili di tutta la Toscana. Da ogni parte del mondo c’è qualcuno che sogna di raggiungere questo antichissimo borgo per provare l’esperienza di immergersi in una perfetta cartolina medievale. Patrimonio dell’Unesco dal 1990, San Gimignano, nota anche come la "Manhattan del Medioevo", deve la sua fama proprio all’incredibile quantità di torri che svettavano sui tetti del piccolo comune, addirittura 65 nel periodo di massimo splendore cittadino. Tredici di quelle splendide torri contribuiscono ancor oggi a disegnare uno skyline certamente unico.

Ma una visita di San Gimignano non si esaurisce con la contemplazione della sua verticalità, imperdibile è anche il Duomo, che terminato nel 1148 è considerato uno dei più prestigiosi della Toscana. Articolata in tre navate la Cattedrale è una vera antologia di affreschi di scuola fiorentina: dal San Sebastiano di Benozzo Gozzoli, alle Storie di Santa Fina di Domenico Ghirlandaio, fino ad arrivare alle Statue Lignee di Jacopo della Quercia. Interessante anche il Palazzo Comunale, che attualmente accoglie il Museo civico e la Pinacoteca, e in cui si possono ammirare opere di artisti come Pinturicchio, Benozzo Gozzoli, Filippino Lippi, Domenico di Michelino e Pier Francesco Fiorentino. Sempre all'interno del Palazzo Comunale è possibile visitare la sala di Dante con la Maestà di Lippo Memmi e accedere alla Torre del Podestà - o Torre Grossa – che coi suoi 54 metri è la più alta di San Gimignano sin dall'anno della sua erezione, il 1311.

Ma la sua fama di questo splendido luogo della campagna senese non dipende solo dalle sue bellezze aristico-architettoniche, da non perdere una volta qui un assaggio dalla Vernaccia di San Gimignano, pregiato vino bianco prodotto solo su questi colli. Sembra che il vitigno sia stato introdotto per la prima volta in quest'area da un certo Vieri de' Bardi, intorno al ’200. Pochi decenni dopo, nel 1276, già fioriva il commercio della Vernaccia i cui scambi risultano, a partire da quell'anno, negli "Ordinamenti della Gabella" del Comune.

La Vernaccia è stato il primo vino bianco toscano a fregiarsi della Denominazione di origine controllata (dal 1993), ed è stato oggetto di un'evoluzione costante, tanto nel vigneto quanto nella cantina. Caratteristico il colore giallo paglierino tenue, tendente al dorato, un odore fine, un sapore asciutto e con retrogusto tendente all’amarognolo. La gradazione alcolica è di 11°, 11,5° per la riserva. È perfetto con le minestre di pane, mentre i pesci e i crostacei sono gli abbinamenti che più gli si addicono.

Cover image credit: TOB

2
LE ATTRAZIONI PIù RICERCATE A  San Gimignano
people
Le voci della rete
&
Il territorio
Colle Val d'Elsa

Val d’Elsa

Porta del mare, sentiero del sacro e arteria tra Firenze e Siena
L'importanza strategica della Val d’Elsa sta tutta nei suoi percorsi. È contemporaneamente la porta del mare, il sentiero del sacro, l’arteria che fa scorrere la toscanità da Firenze a Siena. ...
Approfondiscikeyboard_backspace