Disegno di Lorenzo Viani con soggetto le donne e il mare
account_circlePersonaggi storici

Lorenzo Viani, un pittore in trincea

L’esperienza di guerra dell’artista viareggino tra esaltazione e sconforto

Viareggio

Il viareggino Lorenzo Viani, uno degli artisti più controversi e problematici del Novecento italiano, autore dello struggente La benedizione dei morti del mare (Viareggio Museo Civico), subì al pari dei colleghi futuristi fiorentini e milanesi il fascino degli eventi bellici che facevano eco fin dal 1914 dai confini dai paesi europei coinvolti nella Grande Guerra. Per la verità Viani era partito da posizioni antimilitariste: nel 1912, in occasione dell’impresa coloniale in Libia, aveva disegnato Alla gloria della guerra, album di disegni dedicato agli orrori del conflitto italo-turco. Viani abbracciò il militarismo dopo aver ascoltato l’irredentista triestino Cesare Battisti al Politeama di Viareggio: il discorso del martire friulano convinse il pittore a scendere in campo e arruolarsi. Viani vestì il grigio verde nel luglio del 1916 e partì per il Carso. Il fronte per Lorenzo Viani si rivelò anche fonte di ispirazioni artistica. Tra l’orrore della morte dei compagni, la paura e la disperazione per le precarie condizioni igieniche e alimentari, l’esaltazione e la voglia comunque di combattere, Viani trovò il tempo per rifugiasi nel disegno: nacquero così dei carboncini su supporti ricavati alla "belle e meglio", carta da batteria, bende e asciugamani, in cui l’artista esprimeva la propria visione dell’esistenza e della natura nei tragici frangenti della guerra. Il 1 gennaio 1919 Lorenzo Viani venne congedato e ritornò alla sua darsena viareggina: la guerra non si era rivelata una tappa per la costruzione della giustizia sociale, come aveva sperato prima di arruolarsi. Seguirono anni difficili e violenti, in cui Viani ripercorse gli anni al fronte con la consapevolezza del grande inganno perpetrato ai danni degli italiani mandati a morire.

Viareggio
Da un piccolo borgo di pescatori a una meta balneare tra le più note in Toscana, ecco la città del Carnevale
Il mare da una parte, le candide vette delle Apuane dall’altra, chi non ha mai visto la classica istantanea di Viareggio? Passeggiare tra le vezzose stradine del centro, prendere un gelato in Passeggiata o in pineta, spingersi al mare in Darsena o, ancor più là, verso la parte di spiaggia più selvaggia, la Lecciona - quasi a Torre del Lago; mangiare pesce in una delle tipiche trattorie di ...
Approfondiscikeyboard_backspace