Photo ©Clayton Tang
Monumenti

Il David di Michelangelo alla Galleria dell’Accademia

La maestosa statua è uno dei capolavori della scultura rinascimentale

Il David, insieme al Mosè e alla Pietà, è una delle sculture più note di Michelangelo, un capolavoro in marmo bianco alto 5,17 metri, oggi conservato alla Galleria dell’Accademia di Firenze.

L’opera fu scolpita in 18 mesi da Michelangelo nel 1501, una sfida per l’artista che allora aveva 26 anni e fu incaricato dall’Opera del Duomo di utilizzare un gigantesco blocco di marmo che giaceva inutilizzato da 40 anni, perché artisti come Agostino di Duccio avevano pensato che fosse troppo fragile per sostenere il peso delle gambe.

Il maestoso David
Il maestoso David - Credit: https://www.flickr.com/photos/nathaninsandiego/6165296066
Il volto del David
Il volto del David

Michelangelo da quel marmo morto riucì a ricavare una statua imponente e meravigliosa, dove il David non è più un fanciullo come nelle rappresentazioni di altri maestri del Rinascimento come Donatello e Verrocchio, ma un giovane e possente uomo pronto a colpire il gigante, con una tensione nelle mani che stringono il sasso e la fionda, nei muscoli contratti e nello sguardo che sembra stia davvero per scagliare il colpo micidiale.

La statua terminata nel gennaio del 1504 divenne il simbolo della Repubblica Fiorentina: una commissione di artisti tra cui anche Botticelli e Leonardo da Vinci decise di collocarla davanti sul sagrato di Palazzo Vecchio, dove il David poteva simboleggiare i valori del buon governo e della disesa della patria.

La statua rimase lì fino al 1873, quando per conservarla meglio e proteggerla dalle intemperie fu spostata alla Galleria dell’Accademia, dove si puà ammirare ancora oggi.


Info: galleriaaccademiafirenze.it

Firenze
Una città sorprendente, in cui perdersi tra arte, storia, moda e tradizione
Chiunque intenda visitare la Toscana non potrà che passare da Firenze: la città del giglio è uno scrigno di tesori artistici e centro di una fervida vitalità. Oltre all’eccezionale patrimonio d'arte, testimonianza della sua secolare civiltà, è possibile godersi Firenze passeggiando al tramonto lungo gli incantevoli lungarni, addentrandosi tra i vicoli bohémien dell’Oltrarno o perdendosi nelle ...
Approfondiscikeyboard_backspace