Il palazzo degli Anziani di Pistoia
location_cityArchitetture

Le stanze del potere di Pistoia

Il palazzo degli Anziani simbolo della storia civica della città

Pistoia

Il palazzo del Comune di Pistoia è rappresentato da una grande ed elegante costruzione trecentesca, caratterizzata dagli imponenti archi ogivali del pianterreno, sormontati a loro volta dalla bifore del primo piano e dalle trifore del secondo. Sulla facciata spicca lo stemma dei Medici che fu posto nel 1513 in onore di Leone X; gli altri due stemmi ai lati vennero invece eseguiti a perenne memoria di Clemente VII. Un particolare che suscita molto curiosità nei visitatori è la testa in marmo nero di Musetto II, re di maiorca, sconfitto nella guerra delle Baleari all’inizio del 1100. Solido, quadrato e massiccio, il palazzo comunale, che ospitò tra gli altri anche il grande Giano della Bella, ha sfidato i secoli senza subire grandi modifiche anche se nel Seicento venne costruito un ponte che lo univa alla vicina cattedrale. L’interno si apre su un luminoso giardino, impreziosito dalle recente collocazione della scultura il Miracolo di Marino Marini. Da qui si accede alla sale affrescate e tramite la scala alla sala Maggiore, chiamata anche la sala del Consiglio. Qui si riunivano e discutevano la magistratura degli Anziani, il Gonfaloniere di Giustizia e successivamente anche il Podestà. Si tratta di un grande ambiente con soffitto a travi dipinte rette da mensole a sagome. La stanza è illuminata dalle quattro bifore gotiche e dal balcone centrale. Uno delle opere che colpisce maggiormente all’interno di questo spazio è la Residenza, un lungo sedile in legno di noce intagliato. Eseguito originariamente per la Pia Casa della Sapienza tra il 1534 e il 1535 fu opera di Giovanni di Pietro Mati di Canapale e di suo figlio Bartolomeo. Il pregevole manufatto venne trasferito inizialmente nella sala Ghibellina e poi collocato nella sala Maggiore nel 1853. Nella sala Ghibellina è conservato anche un disegno mai finito di Benozzo Gozzoli che volle realizzare per l’importante edificio una Maestà, ovvero la Vergine seduta in trono e circondata dai santi.

Pistoia
Ai piedi dell’Appennino tra storia, natura, musica e folklore
Seducente città di antichissima fondazione, Pistoia è un posto che stupirà gli amanti dell’arte e delle tradizioni. Poeti e scrittori hanno esaltato il fascino di quella che hanno ribattezzato “città di pietra incantata” e “città dalle larghe strade e dalle belle chiese”, e in effetti il centro offre al visitatore la possibilità di addentrarsi in un percorso ricco di chiese, chiostri, palazzi ...
Approfondiscikeyboard_backspace