fb track

Fortificazioni, paesi e musei che testimoniano le vicende della Seconda Guerra Mondiale

I luoghi della memoria in Toscana

Eleonora Lopiano by Eleonora Lopiano

Durante la Seconda Guerra Mondiale la Toscana è stata cornice di molti scontri e rappresaglie che hanno spesso fortemente toccato la popolazione civile. A incidere è stata probabilmente anche la presenza della Linea Gotica, la fortificazione di più di trecento chilometri che l’esercito tedesco volle costruire, dal Tirreno all’Adriatico, per impedire l’avanzata degli alleati. 

Alcuni luoghi portano con sé la memoria di questa guerra e una visita può aiutare a conoscere un momento della storia che inevitabilmente ha toccato anche la Toscana.

Linea Gotica a Borgo a Mozzano

Nella Media Valle del Serchio, non lontano da Lucca, si trova Borgo a Mozzano, località nota ai più per il suo Ponte del Diavolo. Non molti sanno che qui si conserva in buone condizioni un tratto della fortificazione della Linea Gotica, di cui si possono visitare bunker, camminamenti e vedette. Presso la stazione ferroviaria del paese, inoltre, è stato allestito un piccolo ma fornito museo, che raccoglie oggetti di uso quotidiano, oltre ad armi e uniformi delle truppe alleate e tedesche passate per questa zona.

Uno dei bunker della Linea Gotica
Uno dei bunker della Linea Gotica - Credit: Comitato Linea Gotica Borgo a Mozzano
Il parco storico della Linea Gotica

Anche la Valtiberina, in maniera molto simile a Borgo a Mozzano, è stata una zona strategica per il posizionamento della linea difensiva. Nell’area di Badia Tedalda sono state realizzate, con la manodopera forzata della popolazione locale, fortificazioni fino a mille metri di altitudine. Attraverso i sentieri del Parco Storico della Linea Gotica, è possibile camminare su una terra colma di memoria, tra postazioni di artiglieria e casematte sotteranee, immersa in paesaggi di grandi suggestione.

Parco Storico della Linea Gotica
Parco Storico della Linea Gotica - Credit: ProLoco Badia Tebalda
Linea Gotica nel Mugello

La lunghissima Linea Gotica toccava anche gli Appennini a nord di Firenze, tanto è vero che il passo della Futa e il passo del Giogo videro insistenti attacchi e scontri tra alleati e Tedeschi. Nasce per questo a Scarperia il centro di documentazione Linea Gotica Toscana, uno spazio espositivo con oggetti ritrovati sui luoghi dei combattimenti, ma anche documenti e registrazioni video. Vengono organizzate anche escursioni sul campo di battaglia e rievocazioni, al fine di capire al meglio gli accadimenti in questo territorio.

Rievocazione battaglia di Monte Altuzzo
Rievocazione battaglia di Monte Altuzzo - Credit: FB Gotica Toscana
Sant'Anna di Stazzema

L’abitato di Sant’Anna di Stazzema è tristemente noto per essere stato teatro di un vero e proprio massacro, l’uccisione di 560 persone a opera della furia di un reparto dell’esercito nazista. Oggi il paese promuove la memoria di questo terribile evento attraverso il parco della pace e il suo museo storico della Resistenza, ai quali si unisce il monumento-ossario, raggiungibile sulla sommità di una collina come in un doveroso pellegrinaggio.

Sant'Anna di Stazzema
Sant'Anna di Stazzema
Museo audiovisivo della Resistenza a Fosdinovo

Quello di Fosdinovo, più che un museo, è un vero e proprio racconto. Grazie alla tecnologia, una serie di videoproiezioni riporta le storie personali di sopravvissuti e di partigiani, lasciando immergere il visitatore in un viaggio nella storia. L’installazione, infatti, si snoda seguendo la successione cronologica dei fatti principali che hanno caratterizzato la guerra mondiale: un moderno sistema espositivo per una narrazione che va al di là del tempo.

Museo della Resistenza di Fosdinovo
Museo della Resistenza di Fosdinovo - Credit: museo della resistenza official site
Museo della deportazione e della Resistenza a Prato

Il museo si trova più precisamente a Figline di Prato, posto estremamente simbolico in quanto sfondo della fucilazione di ventinove partigiani, avvenuta proprio il giorno della liberazione del paese. Da qui, la volontà di raccogliere le testimonianze sulla resistenza al nazifascismo e sulla deportazione, in un percorso che va affrontato con tutto il tempo che serve, ma che porta senza dubbio a riflettere su questa fase della storia.

Museo della deportazione e della Resistenza
Museo della deportazione e della Resistenza
&
Arte e Cultura