Caffè di Simo
Siti storici

Caffè di Simo di Lucca

Lucca

In questo Caffè, che ha conservato gran parte dell'arredo originale, si può proprio dire che negli anni tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento si sia realizzato un vero 'concerto di amicizie', come ricorda la lapide posta nel 1958 dai proprietari di allora - Angelo Ricci e Fernando Pieri.

Questo Caffè in cui echeggiò l'entusiasmo del risorgimento accolse alla fine dell'ottocento e al principio del nostro secolo poeti letterati ed artisti amici del droghiere mecenate Alfredo Caselli fra cui Giovanni Pascoli, Giuseppe Giacosa, Alfredo Catalani, Giacomo Puccini, Pietro Mascagni, Libero Andreotti e Lorenzo Viani.

Anfitrione e auspice dell'armonico concerto fu Alfredo Caselli, figura straordinaria, generoso amico, colto confidente di grandi artisti. La sua figura, cui negli anni '30 il nuovo proprietario Giulio Di Simo intitolò un premio per la letteratura, le arti figurative e la musica, attende la giusta rivalutazione.

Purtroppo il Caffè di Simo è chiuso dal settembre del 2012 per un contenzioso.

Lucca
città monumentale protetta da grandiosi bastioni, custodi di tesori unici
In molti in Toscana considerano Lucca quasi un corpo estraneo, “non è Toscana” può capitare di sentir dire da qualche fiorentino che forse si riferisce al pane (che a Lucca è salato), alla lingua (con un lessico sicuramente singolare) o al fatto (che per altro contribuisce a spiegare gli altri due) che Lucca è l’unica fra le città-stato della regione da aver conservato la propria indipendenza ...
Approfondiscikeyboard_backspace