fb track
Garfagnana
Garfagnana e Media Valle del Serchio map

Garfagnana e Media Valle del Serchio

Una terra ricca di storia e boschi incontaminati

Un territorio incantevole, racchiuso tra le Alpi Apuane e l'Appennino Tosco-Emiliano e solcato dal fiume Serchio, ricco di storia e tutto da scoprire. La Garfagnana, con la Media Valle del Serchio, è una zona affascinante, fatta di boschi di castagni, piccoli borghi antichi e scenari carichi di suggestioni.

La natura domina incontrastata, con foreste che sono ancora incontaminate e vette che superano i 2000 metri. La punta più alta della Toscana svetta proprio in Garfagnana: si tratta del monte Prado, che nei pressi di Sillano tocca i 2054 metri di altezza. Giuncugnano, a 885 metri, è invece il borgo più elevato. La stessa natura regala spazi che oggi sono una riserva, come il Parco dell’Orecchiella; formazioni uniche come la Grotta del Vento; l’Orrido di Botri, uno straordinario canyon; e le acque del torrente Lima, diventato ormai il paradiso degli sportivi.

Protetti dalle montagne, tanti piccoli e grandi centri, tutti unici e tutti uniti nel donare panorami splendidi, curiosità e una cucina straordinaria. Tra le località principali vi sono sicuramente, per dimensione, Castelnuovo di Garfagnana, con la sua celebre rocca dell’XI secolo e Barga, terra d'adozione del poeta Giovanni Pascoli, che, con i suoi vicoli, è annoverata tra i Borghi più belli d’Italia.

Da visitare anche i paesi di Coreglia Antelminelli, sempre tra i Borghi più belli d’Italia; Fabbriche di Vergemoli con l’Eremo di Calomini; Gallicano; Piazza al Serchio; San Romano e l’incredibile Fortezza delle Verrucole. Sono tanti anche i piccoli borghi arrampicati sui fianchi delle montagne da cui si gode uno splendido panorama, come ad esempio il centro di San Pellegrino in Alpe, dove la vista può spaziare dal Cimone al Libro Aperto al monte Giovo e dove si trova anche il Museo Etnografico della Montagna Don Luigi Pellegrini, che raccoglie oltre quattromila oggetti a testimonianza dei costumi e delle attività della vita contadina.

Scendendo più a valle, in direzione Lucca, altrettanto noti e altrettanto piacevoli, si incontrano Borgo a Mozzano, che stupisce il viaggiatore con l’emozionante scoperta del suo celebre Ponte della Maddalena (più noto come Ponte del Diavolo e famoso per la forma asimmetrica delle sue arcate) e Bagni di Lucca, rinomato centro termale sin dai tempi degli antichi romani, e frequentato, in epoca romantica, anche dai poeti Shelley e Byron.