Bagnone

Piacevole stazione di villeggiatura e centro di importanti fiere stagionali

Leggi la storia Bagnone su Bagnone Storie e leggende di un paese della Lunigiana Viandanti, fanciulle, crudeli marchesi e fantasmi che si sentono gridare ancora oggi...Leggi la storia
Il territorio del comune di Bagnone si estende nell'alta Lunigiana, in zona essenzialmente montuosa. Si originò come castello e divenne sede di vicariato sotto Firenze nel XV secolo. Tra le risorse economiche del passato quelle delle foreste di castagni e della pastorizia erano le più significative.

Bagnone è anche una piacevole stazione di villeggiatura, ma la sua funzione più importante espletata nella storia del territorio è legata al suo essere centro di mercato settimanale e di importanti fiere stagionali. A tutt'oggi l'agricoltura , che fornisce foraggi, uva e olive, conserva nel territorio comunale una certa importanza.

Tra i portici del vecchio mercato si trovano gli echi di una vita lontana, dei bottegai, dei sarti, degli speziali, dei calzolai che qui misero bottega e costruirono le loro case. Il castello, costruito nella seconda metà del Trecento dai Malaspina, appartenne poi ai conti Noceti e nella sua cappella riposa il cronista del XV secolo Antonio da Faye. Nei dintorni di Bagnone si trova Treschietto, con gli imponenti ruderi del castello a picco sul burrone.

Altra tappa è Castiglione del Terziere, sede di Capitanato fiorentino, riportato a nuova vita da Loris Jacopo Bononi, esempio raro di illuminato amore per le memorie del passato e di concreto operare per il futuro della Lunigiana.
Bagnone è famosa per la produzione dei prodotti tipici locali e dei piatti tradizionali legati ad essi: la erbadela, la pattona, i testaroli, le focaccette con salumi, la torta d'erbi, la trota di riso e cipolle, tanto per citarne solo alcuni.

Cover image credit: Wikimedia

2
LE ATTRAZIONI PIù RICERCATE A  Bagnone