Nei luoghi più suggestivi di Firenze

La culla della cultura e del vino

Nel centro storico di Firenze è possibile ripercorrere tutta la storia del paese. Racchiuso dai vecchi tracciati delle mura medievali, ospita i più importanti beni culturali della città. Per questo motivo dal 1982 l'Unesco lo ha inserito nella lista dei siti patrimonio dell'umanità.

Quattro sono i quartieri storici di Firenze, ognuno con una sua particolarità, e non potete fare a meno di visitarli tutti.

Nel Quartiere di Santa Maria Novella, l’itinerario comincia con la visita della Chiesa omonima e dell'attiguo museo in cui è possibile ammirare i capolavori di Masaccio e del Ghirlandaio. Sempre in questo quartiere c’è anche il Museo Marino Marini, completamente dedicato allo scultore e il Palazzo Strozzi, oggi sede di incredibili mostre d'arte. Da non perdere è la Chiesa di Santa Trinità ed il gioiello del cenacolo del Ghirlandaio nella Chiesa di Ognissanti.

Nel Quartiere di San Giovanni, si erge lo splendido capolavoro della Cattedrale di Santa Maria del Fiore, dalla titanica cupola del Brunelleschi e dal vicino campanile di Giotto. Alla Galleria dell’Accademia potete visitare il David di Michelangelo, capolavoro della scultura rinascimentale.

Nel Quartiere di Santa Croce si erge la Basilica omonima che raccoglie affreschi straordinari, tra cui alcuni lavori del maestro Giotto. Passando per Piazza della Signoria, una delle più belle della città, si erge fiero Palazzo Vecchio e la pinacoteca più famosa al mondo, ovvero la Galleria degli Uffizi.

Infine nel Quartiere di Santo Spirito vi aspettano nella loro magnificenza le sale e le quadrerie di Palazzo Pitti, l'incantato Giardino dei Boboli e Piazzale Michelangelo con la veduta panoramica più suggestiva della città.

Un altro quartiere molto animato è quello di Sant’Ambrogio, dove potete rivivere la Firenze descritta nei romanzi di Vasco Pratolini, con la sua vita movimentata, i suoni e i sapori della tradizione enogastronomia, artigianale e artistica più originale. Questa zona della città mantiene ancora le caratteristiche della tradizione toscana, che possiamo ritrovare in alcuni tipici punti di ristoro, tra cui il trippaio, nelle varie  produzioni alimentari e artigianali del mercato e delle vicine botteghe.

Oltrarno troverete invece molte botteghe per lo shopping, in un dedalo di laboratori creativi di maestri che fanno di qualità e tradizione i punti di forza dell'artigianato artistico.

Firenze è considerata la culla europea della cultura, ma anche del vino. In passato la produzione e il commercio del vino hanno segnato profondamente l’economia cittadina e ancora oggi molte delle più antiche famiglie nobili fiorentine, vedi gli Antinori, i Frescobaldi, i Ricasoli tanto per fare alcuni esempi, sono impegnate in questa attività. La Provincia di Firenze conta due DOCG (denominazione di origine controllata e garantita), cinque DOC (denominazione di origine controllata) e tre IGT (indicazione geografica tipica).
people
Le voci della rete
&
Toscana da Cinema