Il viaggio della carta nella Svizzera Pesciatina

Alla scoperta di un antico strumento di comunicazione

Da più di 500 anni, la storia della Svizzera Pesciatina, luogo privilegiato di arte, cultura e natura è strettamente legata alla produzione della carta. L’antico opificio, costruito all'inizio del 1700, è rimasto integro e ben conservato; al suo interno sono funzionanti tutti macchinari originali che venivano utilizzati per la fabbricazione della carta a mano.
Museo della Carta - Credit: Museo della Carta
Per questo, il Museo della Carta di Pietrabuona è una meta di grande interesse per tutte le età, ma anche un punto di riferimento per restauratori, studiosi e bibliofili di tutto il mondo.

Il Museo offre spazi espositivi con circa 7000 pezzi tra forme e collezioni filigranate preziose, come le effigi di Napoleone e Maria Luisa d'Austria (1812), timbri, cere, teli e documenti aziendali. Tutti i segreti della carta fin dalle sue origini, nei suoi viaggi dall’oriente al mediterraneo, sono raccontati in un affascinante itinerario, accessibile e fruibile da tutti. 
Al Museo della carta si arriva in auto e si parcheggia nel piazzale antistante, tutto in piano. Il museo è accessibile con  pedane, ascensore e servizi igienici adeguati.
Pietrabuona
Ma produzione della carta significa anche scoperta del territorio legato ai boschi e ai mulini, quindi all’acqua, una delle più importanti materie prime. Da visitare, quindi, i caratteristici dieci paesi, “le Castella”, arroccati e ancora intatti, le rocche, i borghi e le pievi, meta di turisti da tutto il mondo per la particolarità dei luoghi. L'itinerario consigliato interessa i centri di San Lorenzo a Cerreto, Pietrabuona, Medicina, Fibbialla, Aramo, San Quirico, Castelvecchio, Stiappa, Pontito, Sorana, Vellano.
 
La Svizzera Pesciatina, per le sue caratteristiche montane e medievali, non si presta ad una agevole accessibilità, ma il percorso in auto non mancherà di offrire emozioni e stupore per i suoi paesaggi unici nel loro genere.

Un'ultima curiosità gastronomica: in uno dei paesi della Svizzera Pesciatina, si trova il raro ed eccellente Fagiolo di Sorana, che prende il nome della località omonima in cui viene esclusivamente prodotto. Si dice che questo prodotto fosse il preferito di Indro Montanelli.

Informazioni: museodellacarta.org

&
Turismo accessibile