Castagne e funghi: a caccia dei sapori d'autunno in Toscana

Le feste più belle nei borghi toscani dedicate ai prodotti del bosco

Per gustare le delizie dell'autunno in Toscana niente di meglio di una bella gita fuori porta in campagna o ad alta quota: le sagre dedicate ai sapori del bosco sono l’occasione migliore per regalarsi un weekend fuori città. La castagna è la regina dell’autunno e sono tantissimi i borghi toscani che la festeggiano con il dovuto rispetto e con mille ricette diverse, non per niente una volta era l’unico frutto su cui si basava l’alimentazione della popolazione.

La castagna è la regina d'autunno
La castagna è la regina d'autunno

Partiamo dal Mugello, che celebra il suo Marrone Igp con diverse manifestazioni.
A Marradi, il paese natale del poeta Dino Campana, le domeniche di ottobre si tene la storica Sagra della Castagna, dove assaggiare il celebre “marrone di Marradi”, con cui si riempioni i tortelli, si fanno torte, marmellate, caldarroste (dette “bruciati”) e marrons glacés. Per l'occasione si può raggiungere Marradi viaggiando a bordo del treno a vapore, che collega il paese a Firenze in occasione della Sagra.
Da non perdere anche la Sagra del marrone e frutti del sottobosco che si tiene sempre in ottobre a Palazzuolo sul Senio, che mette al centro non solo il Marrone Igp ma anche i funghi porcini, le more, i lamponi e i mirtilli.

Il Castagnaccio, una delizia da assaggiare
Il Castagnaccio, una delizia da assaggiare

Grandi festeggiamenti per la castagna nei paesi del Monte Amiata.
La più antica è il Crastatone, che si tiene il 1° novembre e nel weekend più vicino a Piancastagnaio, con piatti tipici, musica tradizionale e balli in piazza, per rivivere l’atmosfera di un autentico borgo contadino.
La Festa della Castagna di Arcidosso si tiene invece in ottobre, con stand gastronomici nelle cantine del centro storico, che per l’occasione diventano taverne dove gustare delizie come la birra alla castagne o il Montebianco, un delizioso dolce al cucchiaio a base di castagne e panna.
Senza dimenticare la Festa d’Autunno, che si tiene il secondo e il terzo fine settimana di ottobre ad Abbadia San Salvatore e propone passeggiate guidate nei boschi alla ricerca di funghi e castagne con gli esperti, degustazioni nelle cantine del centro e visite al Parco Museo Minerario.

Castagne, la semplicità della bontà

Per finire, ultima tappa in Lunigiana con "La castagna racconta" a Licciana Nardi, che si tiene per due weekend ad ottobre, dove assaggiare i pattoni, ovvero le frittelle di castagne, le mondine, i panigacci con i salumi, le torte salate, i testaroli e tutti i piatti rustici e deliziosi che si possono gustare solo in quel lembo di terra accovacciata tra Toscana, Liguria ed Emilia Romagna. E buon appetito a tutti!

&
Enogastronomia