Una passeggiata tra i borghi storici della Montagna Pistoiese

Non solo natura, ma anche tanta storia

La Montagna Pistoiese è la location ideale per chi desidera fare trekking nella natura, seguendo un percorso all'insegna della cultura e di paesaggi mozzafiato.
L'Appennino è costellato di piccole perle che vi porteranno nella storia di questi luoghi medievali; mentre le trattorie con i piatti tipici tradizionali vi faranno degustare il lato più buono della montagna.
 
Il  percorso inizia da San Marcello. Il paese sorge su un colle soleggiato, coperto di verdi boschi, e offre al visitatore le testimonianze dei secoli passati, come la pieve romanica di San Marcello. Da qui sono numerose le escursioni che si possono fare, percorrendo le antiche strade e i numerosi sentieri per immergersi in un incantevole paesaggio naturale.
 
Gavinana ha ancora oggi la struttura di borgo medievale nelle stradine tortuose che salgono fino alla piazza principale e nelle antiche case in muratura rustica, con piccole finestre e portali incorniciati. La sua storia è legata all'eroe Francesco Ferrucci, a cui è dedicata la piazza del paese e il Museo Ferrucciano. Qui sorge l'antica pieve di S. Maria Assunta, del XII secolo, che conserva un prezioso organo ottocentesco.
Cutigliano - Credit: Visit Tuscany
Su uno sperone a ridosso del monte Cuccola, tra folti boschi, sorge Cutigliano, anch'esso di origine medievale, un luogo che ancora oggi conserva le testimonianze del suo passato. Il paese, caratterizzato dalle strette vie fiancheggiate da antichi palazzi e monumenti, è un luogo ideale anche per gli sciatori grazie alla stazione sciistica della Doganaccia.
 
Popiglio, antico feudo dei conti Guidi, conserva ancora oggi le Torri e i resti del castello medievale, e la pieve romanica di Santa Maria Assunta, fondata nel 1271 e uno dei monumenti sacri di maggior rilievo della Montagna Pistoiese. Da qui partono quattro suggestivi itinerari che seguono i sentieri delle antiche rogazioni, uno dei quali conduce al ponte medievale ad una sola arcata detto di Castruccio, un luogo incantato, immerso nel verde, quasi fuori dal tempo.
 
Serravalle Pistoiese, nato lungo la vecchia via Cassia, conserva intatta la sua struttura medioevale di roccaforte, con le strette vie lastricate che si arrampicano tra le case per sboccare in piccole piazze. Serravalle merita una visita per gustarsi il panorama dalla sommità della Rocca Nuova. Una vera chicca è costituita dall'oratorio dei santi Rocco e Sebastiano, che conserva all'interno begli affreschi trecenteschi.
people
Le voci della rete
&
Arte e Cultura