Chiesa dell'Autostrada, Giovanni Michelucci a Campi Bisenzio

Campi Bisenzio

Alla scoperta di una delle cucine tipiche più rustiche di tutta la Toscana

Campi è da sempre legata al suo fiume, il Bisenzio, che ne attraversa il territorio e sulle cui rive ancor oggi è possibile ripercorrere la storia di questi luoghi. È vicino al fiume infatti che intorno all’anno Mille nacque e si sviluppò, protetto dalla Rocca, il primo nucleo urbano intorno alla Pieve di Santo Stefano, ed è sempre lungo il fiume che si formarono, all’ombra di un campanile, i tanti “popoli” campigiani, la cui storia è scritta nelle chiese e nelle ville disseminate sul territorio. Sono gli stessi edifici a testimoniare il profondo legame che univa Campi alle più potenti famiglie fiorentine, così come ci parlano del suo ruolo strategico per la difesa di Firenze e degli interessi economici che hanno lungamente insistito in questa zona.

All’interno della città sono da visitare il Palazzo Comunale del XIX secolo, che conserva gli antichi stemmi della Podesteria, e la già citata e antichissima (più che millenaria) Pieve di Santo Stefano, all’interno della quale si possono ammirare diverse opere, tra cui una Madonna con bambino e santi attribuita al Verrocchio, un San Giovanni Battista di Giovanni della Robbia, e un crocifisso ligneo ritenuto miracoloso. Si può inoltre visitare il Teatro Dante del XVIII secolo, in passato uno dei templi storici della musica lirica in Italia, recentemente restaurato.

Fa inoltre parte del territorio di Campi Bisenzio l’iconica Chiesa di San Giovanni Battista, anche nota come Chiesa dell’Autostrada del Sole. Lo splendido edificio progettato da Giovanni Michelucci e realizzato tra il 1960 e il 1964, ed è posta esattamente a metà strada tra Roma e Milano, eretta in onore dei tanti caduti sul lavoro durante i lavori di realizzazione dell’autostrada, la chiesa colpisce ogni viaggiatore che la vede – è una vera e propria icona di architettura contemporanea – grazie alle sue forme uniche e isolate ai lati della lingua d’asfalto.

Sono poi da segnalare il Museo Antonio Manzi, dove è possibile ripercorrere il notevole percorso di crescita dell’artista cui è intitolato, e il Museo d’Arte Sacra della frazione di San Donnino, dove sono esposte le opere liturgiche e artistiche più importanti del territorio.

Campi Bisenzio è nota anche per la sua cucina tradizionale, il cui piatto forte è probabilmente la gustosa pecora alla campigiana, il cui sugo è spesso usato come condimento per la pasta. Il comune inoltre contende la paternità della finocchiona a Greve in Chianti e quella del roventino (una rarissima tartina di sangue di maiale fritto e speziato) a Sesto Fiorentino. Un altro secondo tipico della zona è il cielo stellato, pietanza di origine e contadina che si ottiene tritando con una mezzaluna del lesso, tre o quattro spicchi di aglio e qualche fogliolina di prezzemolo. Al composto ottenuto e soffritto in una ampia padella, si aggiunge un uovo a porzione e si cuoce come una normale frittata. La frazione di Capalle è da sempre nota per la cucina del “papero”, vale a dire l’anatra (molto apprezzato da queste parti il collo di papero ripieno). I ranocchi fritti o “all’uovo” sono poi una specialità delle frazioni meridionali. Un dolce tipico sono infine le campigiane, paste di forma tonda, ripiene di crema pasticciera.

&
LE ATTRAZIONI PIù RICERCATE A  Campi Bisenzio
&
Il territorio
Valle del Bisenzio

Valle del Bisenzio

Parchi, musei a cielo aperto e molto altro per una vacanza unica
La valle del Bisenzio si presenta al visitatore, stretta tra la dorsale dei Monti della Calvana e il boscoso crinale appenninico. ...
Approfondiscikeyboard_backspace