Skip to content
Centro Pecci

Architettura contemporanea: gli edifici da non perdere in Toscana

Alla scoperta delle strutture realizzate dai maestri dell’architettura internazionale tra cantine, musei e spazi contemporanei

Per molti sinonimo di epoche lontane e di Rinascimento, la Toscana è stata scelta da artisti contemporanei, nazionali e internazionali, come luogo per liberare la propria creatività. Ecco perché la regione è costellata di giardini e parchi di sculture, musei e collezioni private, oltre a suggestive architetture tra cui le affascinanti cantine di design. 

In questo articolo abbiamo selezionato alcune delle più sorprendenti costruzioni ad uso pubblico e istituzionale realizzate dal 1945 ad oggi.

Indice
  • 1.
    Le nuove cattedrali
  • 2.
    Musei e non solo
  • 3.
    Le cantine d’autore

Le nuove cattedrali

Teatro del Maggio Musicale Fiorentino
Teatro del Maggio Musicale Fiorentino

Tra i primi esempi di architettura contemporanea in Toscana c’è lo spettacolare soffitto del Salone Nervi all’interno del complesso delle Terme di Chianciano. Realizzato nel 1952-53 da Pier Luigi Nervi sembra un elaborato ricamo di cemento bianco circolare che dal centro si espande con leggerezza come spinto da una forza centrifuga.

Un altro importante esempio è la Chiesa di San Giovanni Battista a Campi Bisenzio, meglio conosciuta come la Chiesa dell’Autostrada di Giovanni Michelucci. Realizzata tra il 1961 e il 1964, fu pensata come una sosta religiosa per chi percorreva l’autostrada, ricordando con la sua innovativa volta ‘rovesciata’ in cemento armato una tenda tipica dei popoli nomadi. 

Ultimo per data di realizzazione il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, premiato nel 2014 col Premio Nazionale per la migliore opera di architettura realizzata in Italia negli ultimi cinque anni. Situato a due passi dalla stazione Santa Maria Novella e all’inizio del Parco delle Cascine, l’edificio si impone con la sua grande torre scenica visibile alta ben 35 metri.

Musei e non solo

Museo degli Innocenti
Museo degli Innocenti - Credit: Stefano Cannas

In Toscana, più precisamente a Prato, si trova la prima architettura realizzata in Italia per contenere opere d’arte contemporanea, ossia il Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci, dalla futuristica forma di una enorme navicella spaziale dorata realizzata con l’intervento di Maurice Nio nel 2016. Sempre a Prato è possibile visitare l’antica Cimatoria Campolmi, fabbrica ottocentesca trasformata in un edificio polivalente, oggi sede del Museo del Tessuto e della Biblioteza Lazzerini.

A Firenze da non perdere sono l’Archivio di Stato di Italo Gamberini, una moderna fortezza medicea affacciata sui viali cittadini realizzata tra il 1927 e il 1988, ed il nuovo percorso espositivo del Museo degli Innocenti situato nell’antico Spedale degli Innocenti in piazza Santissima Annunziata, inaugurato nel 2016. 

Meritano una visita anche la sede bancaria a Colle Val d’Elsa, realizzata da Giovanni Michelucci e Bruno Sacchi tra il 1973 e il 1983, col suo brillante colore rosso, la Casa Esagono (1957) dell’architetto fiorentino Vittorio Giorgini nella pineta del Golfo di Baratti che sembra quasi un’astronave in legno a moduli esagonali sospesa tra gli alberi, e l’originale Atelier “SpazioXTempo” a Montelupo Fiorentino studio dell’artista Marco Bagnoli, realizzata tra il 2007 e il 2017. 

Le cantine d’autore

Cantina Petra
Cantina Petra

Dal Chianti Classico alla Maremma sono molte le cantine di design che meritano una visita. 

Tra queste ci sono la Cantina Antinori nel Chianti Classico che sembra fondersi con la collina alle sue spalle, la Cantina del Borro coi suoi mattoni rossi e le volte che si adattano allo stile rurale della tenuta nel Valdarno, e la cantina Petra progettata dall'architetto Mario Botta per diventare una parte integrante del paesaggio della Costa degli Etruschi

Nei dintorni

Luoghi da non perdere, percorsi tappa per tappa, eventi e suggerimenti per il tuo viaggio
Eventi • 7 risultati
Idee • 42 risultati
Itinerari • 32 risultati
Diari di viaggio • 1 risultati