Montecatini Alto

Il borgo, i vicoli, le antiche torri, un viaggio a ritroso nel tempo

Una passeggiata a Montecatini Alto

Ci sono dei luoghi che ti rimettono in pace con il mondo. Montecatini è uno di questi. Ti rilassa il muoversi dell’acqua delle Terme Tettuccio, pronta per essere bevuta, per rinfrancarti corpo e anima con la sua purezza. Ti diverte e ti fa tornare bambino la funicolare che porta da valle (dove si trova il centro termale) al borgo alto, con un percorso di 8 minuti e 1077 metri, a bordo dei trenini rossi Gigio e Gigia che hanno sulle spalle oltre un secolo di storia.

E poi, quando arrivi in alto, nel cuore dell’antico centro medievale, ecco che puoi goderti l’immenso panorama sulla Valdinievole. Infinito, tanto che un colpo d’occhio solo non basta per tenere insieme il verde, le case, le colline, quel mondo che avresti voglia di scoprirlo tutto.

Piazza Giusti Montecatini
Piazza Giusti Montecatini

Quel che invece è gustabile a piccoli passi è proprio il centro storico di Montecatini Alto, un borgo che presenta ancora il tracciato delle antiche mura che vennero distrutte nel 1554 dai fiorentini di Cosimo I de’Medici, durante la conquista di questo fertile quanto strategico territorio.

Vicoli lastricati e accoglienti nei quali scovare qualche panorama da fotografare, qualche vecchio muro in pietra o alcuni dei simboli del Medioevo come la Rocca, la Torre del Mastio e il Palazzo del Podestà con la Loggia del Parlascio, luoghi che ancor oggi parlano dell’antica storia di Montecatini.

Montecatini Alto
Montecatini Alto

Salotto del borgo è la centralissima ‘Piazzetta Giusti’, fulcro della vita turistica della zona alta della città, con i suoi ristorantini tipici, le caffetterie e i locali nei quali deliziarsi da una parte con le ricette tipiche della zona e dall’altra – soprattutto nei pomeriggi d’inverno – con una buona cioccolata calda, grazie alle prelibatezze artigianali create dai maestri cioccolatieri della Valdinievole. Da gustare poi, seduti ad un tavolino, anche il dolce tipico di Montecatini, le classiche cialde. Un wafer a forma di disco con impresso il simbolo del comune: due strati di sfoglia con al centro un ripieno di zucchero, mandorle e vaniglia. Ottime da gustare al naturale, accompagnate da un tè caldo o dal gelato.

 

Tra le attrazioni da visitare ci sono poi anche la Torre del Carmine, detta anche dell’Orologio, una delle sei  rimaste in piedi ancor oggi delle venticinque esistenti durante il Medioevo. Particolarità di questa torre è il suo orologio, con un quadrante in marmo con 6 cifre romane, indicate con una lancetta di lamiera sagomata. Anche la  suoneria dell’orologio è alla ‘romana’, ossia una suoneria che batte le ore di sei in sei.

Affascinante – infine – anche la Rocca pentagonale (sec. XII – XIV), ossia la fortezza del Castello Vecchio che corrisponde al primo insediamento del borgo.

Se Montecatini Terme è dunque il luogo dove rilassare corpo e anima, immersi in un’elegante atmosfera liberty, Montecatini Alto offre invece uno scorcio diverso, un’altra prospettiva. Racconta di sé attraverso mura forti, pietra e storia. Ci porta indietro di secoli, fino al Medioevo. Passeggiare tra le sue strade è un po’ come fare un viaggio a ritroso, calarsi in un piccolo mondo che ha voglia di farsi conoscere pian piano, passo dopo passo. Lentamente, come la funicolare che taglia in due la collina e la tinge di rosso. Un selfie, un sorriso, un saluto tra i due trenini e poi via, per un altro viaggio, altri cammini, alla scoperta di un’altra Montecatini.

&
Arte e Cultura