Cireglio, Montagna Pistoiese

Cireglio, il paese del “Novo Dizionario”

Il borgo pistoiese che ha dato i natali a Policarpo Petrocchi, esimio linguista autore di un vocabolario diffusissimo tra Ottocento e Novecento

Castello di Cireglio è un piccolo paese della Montagna Pistoiese, alle pendici del monte Sasso di Cireglio. Circondato da un bosco di castagni che ne fa uno delle località più caratteristiche dell’Appennino Toscano, il borgo dette i natali ad uno dei linguisti più importanti della fine dell’Ottocento, il professor Policarpo Petrocchi (1852 -1902), autore di uno dei dizionari di italiano più diffusi in questo periodo, conosciuto come il “Novo Dizionario”.

Lo scopo di questa pubblicazione, che si affiancava a numerose grammatiche, antologie e testi scolastici scritti dallo stesso autore, “era quello, cominciando fin dai banchi della scuola elementare, di unificare linguisticamente un paese scarsamente alfabetizzato e talmente diviso dai dialetti, che ad esempio, i numerosissimi emigranti liguri e campani, presenti fin da fine Ottocento in Argentina, riuscivano ad intendersi bene solo parlando castigliano” (Carlo Onofrio Gori, "Microstoria", n° 24, luglio-agosto 2002, NTE edizioni).

Petrocchi compì i suoi studi a Pistoia nel seminario dello zio prete, poi si recò a Martinengo nei pressi di Bergamo per insegnare l’italiano – gli insegnati toscani erano gettonatissimi in questo periodo - quindi fu a Torino presso l’istituto del professor Lanza e infine al Collegio Militare di Milano.

Policarpo, da buon toscano, fu però sempre molto legato al suo paese d’origine: qui costituì la Società Onore e Lavoro con lo scopo di dotare il paese di alcune infrastrutture essenziali e dopo aver vinto un premio in denaro con un libro intitolato "Le Guerre" e ispirato ad alti ideali pacifisti, ne fece lastricare la piazza principale.

Il linguista ci tornava ogni estate con la numerosa famiglia e la bella moglie Clementina Biagini, figlia di un noto medico pistoiese già sposata con il notaio pistoiese Arcangeli da cui si era separata. Garibaldino e anticlericale, come lo erano molti patrioti della sua generazione fu fieramente avverso alla politica di Crispi nella quale vedeva una degenerazione dei costumi politici italiani.

Cireglio gli ha dedicato un monumento, realizzato dalla scultore Lorenzo Grazzini (1909), e periodicamente la Società Onore e Lavoro organizza giornate di studi su Policarpo Petrocchi e le sue opere.
&
Scopri questa zona turistica
Appennino
Neve e natura sono il binomio perfetto per descrivere una delle zone turistiche più amate della Toscana: l’Appennino e il celebre passo dell'Abetone, in assoluto la più nota stazione sciistica della Regione. ...
Scopri Appenninokeyboard_backspace