Valtiberina

In bici nella campagna di Sansepolcro

Immersione nella natura per gli amanti di mtb

Un percorso molto bello che riserva la possibilità di percorrere almeno 14 chilometri in quota di sterrato molto variegato e paesaggi bellissimi. La zona è ad alta densità di fauna interessante
PERCORSO:
Partenza/arrivo
: Sansepolcro
Lunghezza: 37 km
Durata: 3.5 - 4.5 ore
Fondo stradale: sterrato, asfalto, rampichino
Bici consigliata: mountain bike
Tipologia di percorso: escursionisti/mtb

Bisogna fare attenzione alle condizioni atmosferiche del periodo, una parte del percorso non è piacevole in caso di terreno fangoso, anche se solo per un paio di chilometri.

Percorrendo la strada statale Tiberina 3Bis in direzione di Pieve S. Stefano, dopo due chilometri circa dal centro storico di strada pianeggiante, si incontra una rotonda. Si devia sulla destra prendendo la direzione per Rimini, qui la strada perfettamente asfaltata comincia salire e a evidenziare le distanze da Sansepolcro con dei piccoli cartelli sulla destra che indicano il chilometro in cifre arabe e sopra il centinaio di metri in numeri romani. Dopo 3 Km di salita non troppo impegnativa la strada diventa pianeggiante e a tratti in discesa sino ad arrivare al chilometro 5,5 ove poco oltre si vede benissimo una deviazione sterrata sulla destra con dei cartelli celesti che indicano Acquitrina.

Continuando per la strada asfaltata, sostanzialmente pianeggiante, arriviamo allo stabilimento di Aboca Erbe, per poi giungere all’Osteria di Aboca. Continuando ancora comincia la salita che ci porterebbe sino al Passo di Viamaggio. Noi devieremo prima ma continueremo a salire per molti chilometri. Dopo l’Osteria si incontrano i primi tornanti e la strada continuerà a salire. Troveremo sulla sinistra la deviazione per Castelnuovo (vedi carta 2) e continueremo ancora il percorso asfaltato fino al 15 chilometro circa. Bisogna fare molta attenzione a prendere il prossimo tratto per non confonderlo.

Il paesaggio ci presenterà due “gobbe di cammello”, due “punte” montuose che noi passeremo da sinistra sempre sul percorso asfaltato. E’ il Passo della Traforata. Subito dopo la curva sulla destra troveremo una deviazione sterrata sulla destra con un cancello piuttosto grande di legno e alcune indicazioni tra cui un cartello arancione. Noi dovremmo salire da li.

Passato il cancello la strada comincerà a salire in modo serio e il fondo è abbastanza sconnesso e sassoso e ci permetterà in breve di raggiungere i 1.000 mt di quota per poi scendere e salire a più riprese trovandosi in mezzo a boschi bellissimi e prati verdissimi. Talvolta il fondo può essere fangoso oppure, nel caso della salita del Bastione, pietroso. In ogni caso è un ambiente stupendo e isolato dove è più facile incontrare animali selvatici che uomini. Questo percorso si snoda tra diverse tipologie di fondo e di panorami e ci permette di raggiungere una casa colonica, Pian della Capanna, 1.062 mt s.l.m., perfettamente ristrutturata e attrezzata per soste e picnic offrendo la possibilità di barbecue e all’interno della casa stessa una fontana per abbeverarsi.

Continuando la strada, ora ben più pianeggiante, senza cambiare direzione si raggiunge la casa della Spinella e qui la possibilità di scegliere la discesa. Continuando diritti lasciandosi la Spinella sulla sinistra si comincerà a salire nuovamente verso il bosco per circa 400 mt, dopo di chè ci aspetta una bellissima discesa tra il bosco stesso con un buon fondo stradale. Al termine della discesa si incontrerà un bivio e, se seguiamo questa proposta di percorso, devieremo sulla sinistra verso il piccolo centro abitato di Germagnano.

Un solo chilometro di discesa ripida ci porterà alla strada asfaltata, passando in mezzo alle case dell’azienda agricola. Tale discesa, come la salita già descritta, ha pendenze che vanno dal 15 al 20%. Dopo qualche tornante arriviamo all’asfalto e, volendo tornare a Sansepolcro, devieremo sulla destra.

Discesa e asfalto sono le caratteristiche di questo tratto che non presenta particolari difficoltà in discesa ma è davvero veloce. Appena dopo il ponte che incontreremo in una curva a esse c’è, a sinistra, una fontana per un ultima occasione di ristoro prima di tornare, a 4 Km, al centro abitato di Sansepolcro. Poca salita e tanta discesa ancora e giungeremo nei pressi del bivio, sulla sinistra, che conduce a Monte Casale. Proseguiamo diritti ancora poco e poi la strada ci condurrà nel centro abitato di Sansepolcro.
&
In bicicletta