fb track
Area protetta
natureElementi naturalistici

La Golena del Tevere

Un suggestivo tratto del fiume modellato dall'uomo nel corso dei secoli

Map for 43.576439,12.052886
Anghiari
L'Area Naturale Protetta di Interesse Locale della Golena del Tevere è collocata nell'alta Valtiberina, lungo il corso del Fiume Tevere, nei comuni di Anghiari (AR) e Sansepolcro (AR). L'area si raggiunge dalla strada che da Anghiari porta a Caprese Michelangelo, imboccando una delle numerose strade sterrate che attraversano la pianura di Anghiari per poi arrivare al Tevere. L'area protetta attualmente non è dotata di sentieri e segnaletica. L'area protetta comprende l'area golenale del Tevere a valle della diga di Montedoglio e presenta vari tipi di habitat caratterizzati da formazioni vegetali di ripa, e aree umide di pregio derivate dalle cave golenali dismesse. Le sponde e l'alveo sono caratterizzate da una rigogliosa vegetazione ripariale e prevalenza di pioppi e da boscaglie di alveo su ghiaioni a prevalenza di salici. Le fasce arboree e arbustive comprendono anche ontani, farnia e sanguinello. L'abbondanza di vie d'acqua del Tevere, regolate dall'andamento dei deflussi, e lo stesso invaso di Montedoglio, a seguito dei rilasci costanti di portate significative durante tutto l'anno, garantiscono il mantenimento dell'habitat umido e concorrono alla salvaguardia dell'equilibrio naturale dell'ambiente fluviale. La presenza di numerosi laghetti originatisi dall'attività estrattiva e la vicinanza dell'invaso creano condizioni favorevoli per il riposo dell'avifauna. La fauna è quella tipica delle aree umide e degli ambienti fluviali: si segnalano il Tarabusino, il Martin Pescatore, il Cormorano, la Garzetta ed il Germano Reale. 

 

Anghiari
Suggestivo borgo medievale immerso nella quiete della Valle del Tevere
Anghiari è uno splendido borgo medievale posto alle pendici delle colline tra il torrente Sovara e la valle del Tevere. Il suo nome è noto per via di una celebre battaglia del 1440, combattuta nella piana antistante al paese e ritratta da Leonardo da Vinci in un mitico affresco andato perduto nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio a Firenze. ...
Approfondiscikeyboard_backspace