Il bosco di Sargiano
natureElementi naturalistici

Il bosco di Sargiano

Natura e cultura francescana

Arezzo
A vedetta della città di Arezzo, sulle pendici settentrionali del Monte Lignano, potrai immergerti nel segreto e accogliente bosco di Sargiano, protetto nei secoli dalle mura di un ex convento francescano. Il luogo e la cura con cui il Bosco è stato conservato fino ai nostri giorni, testimonia il profondo rispetto verso la natura della cultura francescana. In questo piccolo angolo verde vive e si riproduce la rovere, una specie divenuta col tempo molto rara nella provincia di Arezzo e in tutta l’Italia per il pregio del suo legname e per far posto alle colture agricole. Il bosco è un’oasi di pace e freschezza soprattutto nella calura estiva, grazie alla sua copiosa copertura arborea; ti perderai tra i molteplici profumi d Il cuore del bosco può riservarti piccole sorprese: alberi come pifferi forgiati dal becco del picchio verde, fitte siepi come tende di sipari dietro ai quali scompare la rossastra coda della volpe e foglie camuffate in comodi nidi per piccoli insetti.

All’ingresso di Sargiano puoi ammirare l’imponente “Leccio”, legato alla storia del brigante aretino Federico Bobini detto Gnicche che, si dice, fosse solito organizzare i suoi agguati proprio in prossimità di questo maestoso albero di circa 200 anni di età.

Arezzo
Alla scoperta dell'antichissima città di vasari e piero della francesca
Forse non tutti sanno che Arezzo è una città antichissima, più vecchia di Alessandria d’Egitto! Per conoscerla vale una pena parlare un po’ del suo passato. Arezzo fu una delle maggiori lucumonie etrusche e divenne, in seguito, un centro romano d'importanza strategica, fulcro di fiorenti attività economiche e ricco di monumenti - fra cui l'Anfiteatro (di cui rimangono importanti resti). ...
Approfondiscikeyboard_backspace