Radda in Chianti

Radda in Chianti

Alla scoperta di un luogo simbolo del "Chiantishire"

Leggi la storia Radda in Chianti su Itinerari insoliti e storie della Toscana Leggi la storia
Radda è il borgo delle vigne. Lo sguardo dal poggio sul quale nel medioevo, tra le acque dell’ Arbia e della Pesa , venne edificata Radda spazia su una trama fittissima di vigneti. Centro del borgo, dominato in alto da ciò che resta dell’originario castello, è piazza Ferrucci.

Da non perdere è la vista sulle viuzze del centro antico sugli orti che sono cintati di muretti a secco e dai quali si ricava l’essenza del Chianti: agricoltura in forma di disegno del paesaggio in un ordine naturale d’uomini e cose. E non poteva che essere a Radda la sede della Fondazione per la tutela del territorio del Chianti Classico che sarà ospitata nel complesso monastico di Santa Maria a Prato appena fuori le mura del paese. Dalla chiesa del convento proviene un polittico di Neri di Bicci di raro pregio.

La storia di Radda è documentata fin dal IX secolo a.C., grazie anche e numerosi reperti archeologici, ma il primo riferimento al suo castello risale all'XI secolo, quando viene annotata in un inventario redatto per l'imperatore Ottone III, che riassume i territori inclusi nella Badia fiorentina. Nel 1220 il territorio viene acquisito da una famiglia dell'aristocrazia feudale toscana, i conti Guidi, su concessione di Federico II.

Già alla fine del XIII secolo, comunque, l'estensione territoriale del comune di Firenze, al termine delle sue aspre lotte con i conti Guidi, ingloba l'area del raddese all'interno dei suoi confini. Radda diventa dapprima capoluogo di uno dei tre terzieri della Lega del Chianti, quindi, dal 1384, la Podesteria della Lega stessa. Le leghe rappresentano allora il massimo organo istituzionale autonomo del contado fiorentino, dotate di uno statuto autonomo e ben precise disposizioni difensive. Solo con le riforme volute dal granducato leopoldini, Radda si trasforma definitivamente in comune autonomo.

Il territorio di Radda, nel Medioevo, è caratterizzato quasi esclusivamente dall'economia agricola, incentrata sulla produzione dell'olio e soprattutto del vino, anche se non mancano l'attività pastorizia e l'artigianato manifatturiero legato alla filatura di lana, canapa e lino. Più avanti si diffonde anche il sistema mezzadrile, che fa sorgere nelle campagne raddesi poderi e case coloniche. Oggi l'agricoltura si è specializzata nella produzione di olio di qualità e vini D.O.C., mentre l'artigianato si è evoluto in industria meccanica e per la lavorazione del legno.

Dei numerosi castelli sorti nell'area di Radda soltanto quello Volpaia è arrivato ad un buon livello di ampliamento. Le sue mura con torri e un cassero sono ancora in gran parte visibili, mentre altre fortezze, come Albola e Monterinaldi, sono arrivate ai nostri giorni in avanzato stato di disfacimento. Altre ancora, come nel caso di Castelvecchio, sono state trasformate in ville signorile o case coloniche. Di quest'ultima tipologia sono un esempio i castelli di Castiglione, il Trebbio e Paterno. È inoltre ancora possibile incontrare numerose residenze medievali fortificate, che il comune ha ereditato dagli antichi signori dell'aristocrazia guerriera.

Nei dintorni di Radda è possibile inoltre visitare la pieve di Santa Maria Novella, la quale, pur avendo subito numerosi lavori di ristrutturazione, è riuscita a conservare il suo impianto originale romanico, oltre che numerose opere d'arte. Tra i tantissimi impianti romanici disseminati per il territorio, è di gran rilevanza il convento di Santa Maria in Prato, che ancora oggi ospita all'interno delle sue strutture una " Madonna con Bambino " quattrocentesca di Neri di Bicci.

(Immagini by wikipedia)
&
Il territorio
Chianti

Chianti

Una terra affascinante ricca di cultura, natura e prodotti tipici
Le colline del Chianti sono una dolce catena ondulata a cavallo fra le province di Firenze, Siena e Arezzo e caratterizzano questa terra cara agli uomini dalla notte dei tempi. ...
Approfondiscikeyboard_backspace