Montignoso

Montignoso

Adatto per itinerari in bici e sport all'aria aperta

Leggi la storia Montignoso su Itinerari insoliti e storie della Toscana Leggi la storia
Maestoso e suggestivo, Castello Aghinolfi domina il paesaggio sottostante. Conteso per secoli, rappresenta un vero e proprio baluardo a difesa del territorio. Montignoso, con il suo castello, rimane sotto la giurisdizione di Lucca fino al 1845, per passare poi estense, ed infine, unito alla Provincia di Massa Carrara con il Regno d'Italia.

Visita al centro storico:

Castello Aghinolfi - Domina tutto il paesaggio sottostante, conteso per secoli tra pisani, genovesi e lucchesi, risalente probabilmente ad una primitiva fortificazione bizantina, rappresenta un vero e proprio baluardo a difesa del territorio. Ancora oggi, esso è oggetto di studi e ricerche sul vissuto delle varie epoche: resta il maschio con la sua forma ottagonale, sapientemente restaurato di recente, e molto  diversa per esempio dai castelli della Lunigiana.

Villa Schiff Giorgini (XVIII-XIX sec.) - Splendida residenza ottocentesca, attuale sede dell'Amministrazione Comunale e luogo di numerose manifestazioni culturali, la villa, circondata da un parco lussureggiante è ricca di sculture in marmo.

Chiesa di S. Eustachio (XV sec.)
- Danneggiato dai bombardamenti della seconda guerra mondiale l'edificio si mostra oggi rinnovato da un recente restauro. La chiesa reca la data del 1840 sul portale, ma risale al 1495. All'interno si trovano due tavole quattrocentesche attribuite al Maestro del Tondo Lathrop e al Maestro di Stratonica e una scultura lignea del Trecento, di scuola pisana, rappresentante la Madonna.

Chiesa Parrocchiale di S. Vito e S. Modesto (XII sec.) - Conserva al suo interno un trittico d'altare del pittore lucchese Michele Ciampanti del 1482, raffigurante la Madonna col Bambino tra i Santi Giovanni Battista, Vito, Modesto e Pietro.

Fuori dal centro:

Pasquilio - Monte particolarmente amato dal poeta Giuseppe Ungaretti, dove vi è il busto dello scrittore Enrico Pea e dove riecheggiano ancora gli scontri lungo la Linea Gotica dell'ultima Guerra Mondiale.

La natura e i percorsi - Il lago di Porta, oasi faunistica gestita dal WWF e da Lega Ambiente, in cui sono state inserite molte specie tipiche della zona, evitando così la loro completa estinzione, rappresenta la zona umida costiera più settentrionale della Toscana, sopravvissuta alle bonifiche che hanno progressivamente ridotto le paludi caratterizzanti in epoca storica le coste toscane.
Stretto tra le Alpi Apuane e la fascia litoranea della Versilia, il lago è stato per molti secoli un'area strategica per il controllo della costa e delle principali strade di collegamento tra Pietrasanta e Massa.

Enogastronomia - Fra i piatti tipici di Montignoso troviamo il pane marocco, preparato con la farina di granturco (mais) mischiata con una parte di farina di grano, al quale vengono aggiunti olio, olive e peperoncino. Anticamente veniva cotto su una base di foglie di castagno. Ricordiamo inoltre, la torta “Putta”, torta di riso salata dal particolare sapore piccante dato dalla presenza nell'impasto di abbondante pepe e pecorino.
2
LE ATTRAZIONI PIù RICERCATE A  Montignoso
&
Il territorio
Marina di Massa, Riviera Apuana

Riviera Apuana

Vacanze uniche tra mare e montagna
Una costa tutta particolare: spiagge finissime di sabbia a poca distanza dalla roccia delle Alpi Apuane, maestose montagne di marmo. ...
Approfondiscikeyboard_backspace