Lastra a Signa

Lastra a Signa

Terra di storia, cultura e ottimo vino

Leggi la storia Lastra a Signa su logo toscana ovunque bella Lastra a Signa Una voce più bella del silenzio a Lastra a Signa Viaggio a Lastra a Signa, alla scoperta di Villa Caruso di Bellosguardo.Leggi la storia
I primi insediamenti nell'area di Lastra a Signa risalgono all'epoca etrusco-arcaica, come dimostrerebbero i resti di un abitato di notevoli dimensioni trovati tra Lastra e Villa di Bellosguardo. In epoca romana sorgono numerosi borghi, tra i quali quelli di Malmantile e Bracciatica, lungo il tracciato che collega l'antica Florentia a Pisa. Al di là del suo nucleo originale, lo sviluppo del borgo di Lastra avviene nell'Alto Medioevo, in corrispondenza della nascita della pieve di San Giuliano a Settimo, risalente al 742 e del castello e della chiesa di Gangalandi, rispettivamente dell'XI e del XII secolo. Di proprietà dei Cadolingi, esponenti della nobiltà pistoiese in cerca di fortuna nel fiorentino, il castello, del quale non si hanno notizie certe, è stato distrutto dai Fiorentini nel 1107 o più probabilmente dalle truppe di Castruccio Castracani nel 1326.

Il ruolo strategico di Lastra a Signa costa un'altra tragica pagina al piccolo comune: nel 1529 le truppe imperiali di Carlo V, nell'intenzione di tagliare a Firenze i rifornimenti da Pisa, cingono d'assedio e conquistano la cittadella, abbattendo le mura, non concepite per resistere ai colpi di artiglieria dell'esercito spagnolo. Il ritorno dei Medici, dopo la caduta della Repubblica Fiorentina, segna comunque la riorganizzazione dei traffici commerciali lungo l'Arno, a beneficio degli abitanti della zona. L'estrazione della pietra, la produzione laniera e l'attività manifatturiera aggiungono ricchezza e benessere a Lastra, che vive un periodo di prosperità lungo tutto l'arco del XVI e del XVII secolo.

L'Ottocento lastrigiano è segnato dall'ulteriore sviluppo dei commerci, lungo la nuova ferrovia e l'industrializzazione della lavorazione della paglia, altra antica tradizione artigianale locale, per la fabbricazione di cappelli. A ciò si affianca anche un'intensificazione dell'attività agricola legata alla coltivazione di grano, olivo e vite.

Fra i monumenti da visitare sono da segnalare: la Villa di Bellosguardo, le mura dell'antico Castello di Lastra del XV secolo e il Battistero.

Fonte by Comune Lastra a Siga

 

Cover image credit: Comune di Lastra a Signa

&
LE ATTRAZIONI PIù RICERCATE A  Lastra a Signa
&
Il territorio
Arno, Fiesole

Valdarno

Una zona ricca di tradizione e storia. Con un protagonista assoluto: l'Arno
Il Valdarno (si usa curiosamente il “maschile” e non il “femminile”) è, come fa intendere il nome stesso, la valle attraversata dal fiume Arno. ...
Approfondiscikeyboard_backspace