Fucecchio
Photo ©APT

Fucecchio

Un percorso tra storia e natura

La storia di Fucecchio è decisamente legata alla Via Francigena, il cui percorso aveva in questa località un punto di attraversamento dell’Arno. Intorno al X secolo i Cadolingi, originari di Pistoia, spostarono i propri interessi in prossimità di questo importante snodo viario dove costruirono il Castello di Salamarzana. Dopo la fine della dominazione Cadolingia, Fucecchio, ormai libero comune, dette segni di sviluppo a partire dal XVI secolo con la ripresa delle attività agricole da cui trarranno origine alcune grandi fattorie della famiglia dei Medici. Nel centro storico il suggestivo complesso di Palazzo Corsini sorge in corrispondenza del nucleo originario della città. Dal X secolo fu sede del castello di Salamarzana, trasformato nel XIV secolo in fortezza dai fiorentini. Persa la sua rilevanza militare fu acquistato da Giovanni di Cosimo dei Medici, padre di Lorenzo il Magnifico, che lo trasformò in fattoria.  Nel 1643 l’intero complesso passò ai Corsini e nel 1981 al Comune che vi ha allestito il Museo di Fucecchio, l’Archivio storico, la Biblioteca ed altri servizi culturali.

Il Poggio Salamartano costituisce, invece, il polo religioso della comunità fucecchiese sin dal secolo XI. La Chiesa di San Salvatore, fondata nel X secolo dai Cadolingi, conserva un prezioso Crocifisso degli inizi del Trecento, uno splendido organo seicentesco e tele dell’Empoli e del Caccini. Sul medesimo poggio si trova anche la Chiesa Collegiata di San Giovanni Battista che, costruita nelle attuali forme nel 1780, conserva la bella tavola della Madonna in trono con Bambino e Santi (c.1526) di Bartolomeo Ghetti.

Nello storico Palazzo Montanelli Della Volta ha sede la Fondazione Montanelli Bassi istituita nel 1987 dal giornalista Indro Montanelli per valorizzare il patrimonio culturale e storico del suo paese natale. Dispone di un’ampia documentazione originale dell’attività del giornalista di cui conserva anche gli studi di Roma e di Milano, qui trasferiti integralmente.

A nord-ovest di Fucecchio, sul fiume Usciana, si trova il Ponte Mediceo di Cappiano. La costruzione prende origine da un ponte fortificato medievale che controllava la viabilità lungo il percorso della Via Francigena della quale un breve tratto di selciato è tutt’oggi visibile nel territorio di Fucecchio, in località Galleno. La struttura fu trasformata nel 1550 da Cosimo I de’ Medici nel centro amministrativo di una delle grandi fattorie granducali e oggi ospita un ostello.

In un ampia porzione del territorio comunale si estende il Padule di Fucecchio, un’area protetta compresa tra le province di Pistoia e Firenze che costituisce la più grande palude interna italiana.
&
LE ATTRAZIONI PIù RICERCATE A  Fucecchio
people
Le voci della rete
&
Il territorio
Valdelsa

Empolese Valdelsa

Sulle tracce di una Toscana "del cuore"
Per la sua posizione geografica, centrale nel contesto della Toscana ed in riferimento a città d'arte di primo piano, da Firenze a Siena, a Pisa, a Lucca, a San Gimignano e a Volterra, il ...
Approfondiscikeyboard_backspace