Bagno Vignoni

Splendidi borghi lungo la Via Francigena

Una Val d'Orcia accessibile a tutti

Buonconvento, riconosciuto come uno tra i più bei borghi d'Italia, merita davvero una visita, anche per la facilità con cui si può raggiungere, sia in auto che in treno.

La sua posizione, lungo la Via Cassia, offre comodi parcheggi e piena percorribilità. All’interno delle sue trecentesche mura, attraverso la sua via principale lungo tutto il borgo fino alla porta senese, sono numerosi i punti di interesse enogastronomico, culturale, storico, artistico fruibili da tutti. Non sfugge infatti al visitatore l’attenzione e la cura per un turismo facile: itinerari e tipici ristoranti in zona pedonale e di facile accesso, particolari segnalazioni e descrizioni in braille, italiano e inglese, sui principali edifici del centro storico, musei ampiamente fruibili come l’interessante Museo d’Arte Sacra della Val d’Arbia e il Museo etnografico della Mezzadria Senese. Quest’ultimo offre una rara e ricca testimonianza di un significativo periodo di storia della civiltà contadina toscana.

Da Buonconvento, tornando verso sud lungo la Via Francigena, troviamo a breve distanza San Quirico d’Orcia, altro significativo esempio di struttura urbanistica medievale, con i suoi numerosi e antichi edifici tra cui la splendida Collegiata, da ammirare attraverso il facile percorso dentro la cinta muraria. L’Ospedale della Scala, del XIII secolo, sta a testimoniare l’assistenza e la cura offerte a pellegrini e viandanti del tempo.

Da San Quirico scendiamo nella splendida Bagno Vignoni, una vera perla di bellezza nel cuore della Val d’Orcia. Con il suo stabilimento termale, il piccolo borgo si sviluppa attorno alla piazza, costituita dalla grande vasca in cui arrivano le acque della sorgente termale di origine vulcanica, conosciute fin dall’epoca romana. Dopo un breve facile percorso, una sosta, proprio nella piazza, ci regala tutta la magia di quel ‘luogo d’acqua’.

Altra tappa del nostro itinerario lungo la Via Francigena, con stupefacenti panorami collinari, è Castiglione d’Orcia che, come Bagno Vignoni, è dichiarato dall'Unesco Patrimonio mondiale dell'Umanità. All’interno delle sue mura è ancora viva la parte più antica del borgo: piazza il Vecchietta, raggiungibile con una strada che richiede un accompagnamento a persone con difficoltà motorie per la sua pendenza, se pur in un breve tratto, ci sorprende per il suo splendore e ci riporta in una calda atmosfera che travalica il senso del tempo. Qui si affacciano il palazzo del Comune e altri edifici medievali, oltre ad abitazioni private. Anche se percorrere i vicoli a ciottolato non sarà possibile per tutti i visitatori, soffermarsi un po’ nella piazza il Vecchietta ad osservare ed ascoltare, significa immergersi in emozioni inimmaginabili, certamente non comuni.

Un valore aggiunto a questo itinerario è il fatto che nonostante le caratteristiche collinari dei territori della Val d’Orcia e la pedonalizzazione dei borghi, è consentito alle auto con tesserino per l’handicap di arrivare all’interno delle mura e raggiungere i luoghi di maggiore interesse attraverso vie facilmente percorribili.
&
Turismo accessibile