Vigne di Donoratico

In bici sulle strade di Donoratico

Emozionati in un paesaggio romantico

Dalle terre del Carducci alle colline della Val di Cornia per un itinerario in bicicletta tra boschi e paesi medievali che meritano una visita

PERCORSO
Punto di partenza e arrivo: Donoratico
Lunghezza:  74 km
Dislivello:  870 m
Altimetria: min. 20 – max. 375
Tipo di strada: asfalto
Difficoltà: media

Note: Itinerario piacevole caratterizzato da salite medio - lunghe e costanti, senza strappi e pendenze troppo impegnative. Bellissimo il tratto tra Suvereto e Sassetta. La domenica mattina la S.P. 329, nel tratto Castagneto - Monteverdi Marittimo è meta prediletta di motociclisti, talvolta invadenti e pericolosi. Da considerare una sosta nel centro storico di Suvereto.

Si parte dal centro di Donoratico, nella piazza della stazione ferroviaria, in direzione sud, verso San Vincenzo sulla S.P. 39 “Vecchia Aurelia”. Dopo 1,6 km si lascia la Vecchia Aurelia girando a sinistra (direzione Castagneto Carducci) sulla via Accattapane, in leggerissima, costante salita. La strada, dopo 4,5 km, si va ad innestare sulla S.P. 329 “Bocca di Valle” che sale in circa 2,5 km verso Castagneto Carducci (8,7 km).

Oltrepassato il borgo si costeggia il cimitero, poi la strada si immerge nel bosco e con un andamento sinuoso raggiunge il Ponte d’Oro dove inizia la salita di circa 2 km verso il passo di Bocca di Valle (13,9 km). In presenza di un evidente tornante a sinistra si seguono le indicazioni per Monteverdi Marittimo proseguendo sulla S.P. 329 e ignorando la deviazione verso Sassetta. Ultimo strappo in salita per poi pedalare in leggero e gradevole saliscendi per circa 9 km alla volta di Monteverdi Marittimo (24 km). Mantenendosi sulla strada principale comincia la bella discesa di circa 3 km verso Canneto. Alla fine della discesa (consigliata la breve deviazione verso il borgo di Canneto) si piega a destra, ancora in discesa seguendo le indicazioni per Follonica.

Dopo 4,5 km di pedalabile discesa si prosegue in falsopiano di 6 km lungo la valle del torrente Massera fino a un incrocio a T (37,5 km): si gira a sinistra verso Suvereto. Dopo circa 2 km si oltrepassa il ponte sul fiume Cornia e, al successivo incrocio, si tiene la destra imboccando la SR 398. da qui si pedala fino a Suvereto (45,6 km) senza asperità. Dopo una visita al centro storico, si prosegue in pedalabile salita sulla bellissima strada che sale costantemente e gradualmente verso Prata e Sassetta, inizialmente tra gli ulivi, poi immergendosi in un bosco di lecci e querce da sughero. Da Sassetta (59 km), dopo un primo tratto ondulato si procede fino all’innesto sulla S.P. 329 già percorsa all’inizio dell’itinerario, che scende dolcemente verso Castagneto Carducci (66 km) e Donoratico (73 km) innestandosi sulla S.P. 39 “Vecchia Aurelia” in località Il Bambolo dove si piega a sinistra verso la piazza della stazione.
&
In bicicletta