Viaggio tra i borghi di Montecatini e della Valdinievole

Scorci mozzafiato e monumenti storici: scopri la Toscana inedita

Montecatini Terme può essere definita la città del Liberty, della natura e delle acque. Infatti questo comune sorge per volontà del granduca Pietro Leopoldo d’Asburgo Lorena per le sue caratteristiche naturali e termali e conosce un periodo particolarmente felice tra la fine dell’Ottocento e il primo trentennio del Novecento, divenendo luogo di attrazione per un pubblico internazionale e ospitando personaggi del calibro di Giuseppe Verdi, Ruggero Leoncavallo, Pietro Mascagni e Giacomo Puccini che usufruirono degli effetti benefici delle cure termali. La città si contraddistingue per gli innumerevoli parchi e spazi verdi dove è possibile passeggiare e godere di un’atmosfera rilassante e ricca di cultura. Infatti si possono ammirare moltissimi edifici in stile Liberty, caratterizzati da una ricercata armonia di forme, oltre alle meravigliose architetture degli stabilimenti termali. Proseguendo verso il piccolo borgo di Montecatini Alto, situato a 300 metri sul livello del mare, e che ha origini medievali e presenta ancora il tracciato delle antiche mura distrutte nel 1554 dai fiorentini di Cosimo I de’ Medici, è possibile raggiungere il comune di Marliana. Il nucleo fortificato del borgo, attestato fin dal 1137, fu occupato prima dalle milizie lucchesi di Castruccio Castraccia e poi passò nelle mani di Pistoia. Quasi scomparse del tutto le mura, mantenendo comunque l’originario assetto medievale con le ripide e tortuose vie che si sviluppano intorno alla Chiesa di S.Niccolò,costruita nel XII secolo. Più volte ristrutturata, contiene opere d’arte raccolte nel Museo Diocesano.

Proseguendo è possibile raggiungere Panicagliora, paese legato all’economia montana basata sullo sfruttamento di castagneti e sulla produzione di carbone da legna, e Avaglio, fortilizio della prima metà del Trecento.

Dal centro della città di Marliana si prosegue verso il Castello di Verruca, rocca in rovina in seguito alla sua conquista avvenuta nel 1200. Un centinaio di metri più avanti si raggiunge il piazzale di Croci dove è collocato il settecentesco Santuario dedicato alla vergine del Carmelo. Da non perdere è la “Festa di Croci”, sagra che si svolge nella prima settimana di settembre dove è possibile assaggiare le prelibatezze della cucina Toscana. 

Massa e Cozzile è un comune che occupa per lo più un territorio collinare. Gli insediamenti più antichi da cui la cittadina prende il nome e della quale fanno parte sono Massa e Cozzile.

Margine di Cozzile è una struttura quattrocentesca, bellissimo esempio di architettura sacra; si tratta di un tempietto dove i viandanti potevano trovare riparo, e che è caratterizzata da affreschi di buona fattura.

Visitata la Margine di Cozzile si può raggiungere facilmente l’ingresso del borgo di Cozzile, agglomerato urbano, attiguo alla famosa rocca di Cozzile, che è nota per il suo Castello ben conservato. Al termine della strada principale, sono visibili: la Chiesa di S.Iacopo Apostolo di impianto romanico, ricostruita nel Cinquecento e il Palazzo De Gubernatis, castello ottocentesco, costruito secondo il modello medievale. 

L’itinerario prosegue verso il centro di Massa, uno dei più antichi centri fortificati della zona, anticamente circondato da mura, di cui rimangono solo alcuni tratti trecenteschi.

In piazza Cavour si trova la romantica pieve di S.Maria Assunta, del 500 con un campanile dell’XI secolo. Dalla piazza si raggiunge piazza Matteotti, centro del castello, chiusa a nord dalla Loggia del Podestà con stemmi gentilizi. 

Buggiano è un piccolo comune suddiviso in due aree: una parte alta di origine medievale ed una parte bassa sviluppatasi invece, in epoca moderna. Il borgo è , tutt’oggi, simbolo delle attività agricole e mercantili del territorio.

La parte alta del comune di Buggiano prende il nome di Buggiano Castello, un bellissimo nucleo che mantiene la struttura urbanistica medievale risalente al 1238, con i resti delle mura difensive e della rocca da cui si gode una vista splendida su tutta la Valdinievole. 

Sulla piazza principale si trova il Palazzo del Podestà risalente al XII secolo, che conserva sulla facciata numerosi stemmi quattrocenteschi e cinquecenteschi. Si trova inoltre una Chiesa romanica benedettina fondata nel 1038 dedicata alla Madonna della Salute e di S. Niccolao con un campanile imponente su cui si aprono monofore e bifore. All’interno della chiesa, che presenta tre navate e tipici capitelli zoomorfi, troviamo importanti opere d’arte tra cui un Crocifisso trecentesco e un’Annunciazione attribuita a Bicci di Lorenzo (1442). Buggiano inoltre è celebre per i suoi giardini di agrumi e organizza ogni due anni un’iniziativa unica nel suo genere: per una settimana tra aprile e maggio si trasforma nel “Borgo degli Agrumi”. I proprietari dei meravigliosi giardini urbani, dove da sempre si coltivano limoni, aranci, mandarini, corbezzoli, aprono al pubblico questi luoghi segreti, in un intreccio fra campagna e mura. Ognuno è caratterizzato da un nome suggestivo: “Giardino segreto”, “Giardino d’amore”, “Terra olivata”, “Giardino delle Tartarughe”.

Sulla piazza principale si trova il Palazzo del Podestà di origine 200esca, che conserva sulla faciata numerosi stemmi gentilizi del 300 e 400.

In direzione di Chiesina Uzzanese si entra nella frazione di Selva, dove sorge la chiesa di S.Maria in Selva, edificata in stile gotico e rivisitata nel 600.

Dopo Buggiano Castello, attraverso una strada piacevole e immersa negli ulivi, si giunge al Colle di Buggiano. Nella piazza del piccolo borgo si trova la chiesa di San Lorenzo che, secondo alcuni studiosi, in origine sarebbe stata la base di un mansio templari. Sulla facciata dell’edificio si può scorgere ancora oggi lo stemma della croce. Il campanile è ciò che resa di una torre di difesa; la sua campana, detta  “La Smarrita”, suonava di notte per aiutare chi avesse perso la strada. 

&
Scopri questa zona turistica
Valdinievole
La Valdinievole è una terra che custodisce un originale mix composto da famosi centri termali, natura intatta, antichi borghi medioevali. ...
Scopri Valdinievolekeyboard_backspace