Skip to content
Ponte di Pogi nel Valdarno con prato fiorito

Torri, ponti e pievi: alla scoperta del Valdarno secolare

Piccoli gioielli nascosti nei borghi o custoditi dalle campagne raccontano e testimoniano lo scorrere del tempo, offrendo un tuffo nel passato

Valdarno
di  Valdarno

La storia secolare che si è svolta nei territori del Valdarno ha lasciato le tracce del suo passaggio: torri e fortezze, ponti antichi, pievi ed abbazie offrono mete senza tempo, spesso immerse in un paesaggio che invita all’esplorazione.

Un soggiorno in Valdarno non può prescindere dal visitare alcuni di questi luoghi.

Indice
  • 1.
    Torri di vedetta e luoghi di culto
  • 2.
    Ponti e attraversamenti

Torri di vedetta e luoghi di culto

La Torre di Galatrona
La Torre di Galatrona - Credit: Archivio Comune di Bucine

Le antiche strutture di avvistamento svettano ancora sulle campagne circostanti, baluardi di difesa che dominano il panorama e da cui si gode di una vista impareggiabile. Da non perdere è la Torre di Galatrona, nel territorio di Bucine, che con i suoi cinque piani e la terrazza panoramica regala l’emozione di sentirsi sovrani di un regno lontano. Non distante dalla torre e immersa natura è l’omonima pieve: conosciuta anche come Pieve di San Giovanni Battista per la statua in terracotta robbiana che conserva al suo interno, l’edificio ha probabilmente origini antichissime e paleocristiane; ancor più indietro nel tempo, il sito su cui sorge potrebbe risalire agli etruschi.

Sempre a Bucine si trova anche l’Abbazia di Badia a Ruoti, le cui prime testimonianze risalgono all’Anno Mille, sebbene si pensa che la struttura sia più antica. All’esterno, leggermente isolato, sorge un albero monumentale, enorme guardiano che osserva silenzioso il trascorrere dei secoli.

Da vedere è anche l’antichissima Pieve di Gropina, così come la torre e la rocca di Laterina Pergine Valdarno; non da meno sono la Pieve di Santa Maria a Scò e l’Abbazia di San Salvatore a Soffena, che insieme alla torre della porta medievale fanno parte delle bellezze di Castelfranco Piandiscò.

Ponti e attraversamenti

Loro Ciuffenna
Loro Ciuffenna

Tra i luoghi più iconici e suggestivi che raccontano di una Toscana antica e un po’ misteriosa sono i tipici ponti in pietra che con le loro arcate sovrastano i fiumi, e che si trovano anche in Valdarno.

Uno dei più noti è il ponte romanico che permette di attraversare il canyon di Loro Ciuffenna: il piccolo ma entusiasmante ponte è stato all’origine dello sviluppo del borgo, e ancora oggi ne è il cuore e il simbolo; poco distante, inoltre, la vista sull’antico mulino ad acqua (il più vecchio della Toscana) è una vera chicca.

Imperdibile è anche il Ponte di Pogi, che prende il nome da una frazione di Bucine e si erge sopra il fiume Ambra, conservando un’atmosfera che richiama un tempo sospeso e immobile.

Numerosi altri attraversamenti punteggiano il territorio, tra cui quello di Castelfranco Piandiscò; da qui, del resto, passava e passa tuttora la Strada dei Setteponti, che deve il nome proprio alla quantità di strutture che si incontrano lungo l’itinerario, sebbene oggi siano meno di sette, e anticamente fossero di più.

Nei dintorni

Luoghi da non perdere, percorsi tappa per tappa, eventi e suggerimenti per il tuo viaggio
Eventi • 5 risultati
Idee • 36 risultati
Itinerari • 19 risultati