account_balanceMusei

Il Museo degli Innocenti di Firenze

Un percorso tra arte e storia nell'antico ospedale per bambini

Firenze

Il Museo degli Innocenti di Firenze si trova dentro l’antico Spedale degli Innocenti, in piazza Santissima Annunziata che fu il primo istituto in Euroopa dedicato alla cura e all’assistenza all’infanzia, sin dal 1445, ospitato dentro lo splendido edificio rinascimentale progettato da Filippo Brunelleschi.

Il Museo è un percorso nella storia di questo luogo unico al mondo, che ancora oggi si occpa di bambini e mamme: 4.900  metri quadrati che comprendono anche 80 opere d’arte di artisti come Sandro Botticelli, Domenico Ghirlandaio, Bartolomeo di Giovanni, Pietro di Cosimo, Neri di Bicci, Luca della Robbia, Giovanni del Biondo. Qui si possono anche ammirare i dieci Putti di Andrea della Robbia, simbolo dell'Istituto degli Innocenti nei secoli.

I Putti di Andrea della Robbia
I Putti di Andrea della Robbia

Il museo ha un approccio multidisciplinare e si divide in tre percorsi tematici: al piano interrato si racconta la storia dell'Istituto nei secoli dal 1419 al 1900, al piano terra si parla dell'architettura, al terzo piano spazio alle opere d'arte e al quarto piano la visita si chiude alla caffetteria.

Tutto il percorso museale si sviluppa attorno al tema dell'accoglienza e racconta ai visitatori l'essenza dell'Istituto nei suoi sei secoli di attività, integrando il patrimonio documentario e dell'archivio con quello storico artistico, in un nuovo racconto che crea un filo continuo con la storia stessa dell'istituzione.

Info: istitutodeglinnocenti.it

Cover image credit: Peter Visser

Firenze
Una città sorprendente, in cui perdersi tra arte, storia, moda e tradizione
Chiunque intenda visitare la Toscana non potrà che passare da Firenze: la città del giglio è uno scrigno di tesori artistici e centro di una fervida vitalità. Oltre all’eccezionale patrimonio d'arte, testimonianza della sua secolare civiltà, è possibile godersi Firenze passeggiando al tramonto lungo gli incantevoli lungarni, addentrandosi tra i vicoli bohémien dell’Oltrarno o perdendosi nelle ...
Approfondiscikeyboard_backspace