I Monti della Calvana
natureElementi naturalistici

I Monti della Calvana

Rocce calcaree e numerose grotte da esplorare. Base di partenza per suggestive escursioni

Calenzano
Catena montuosa che prende corpo da monte Cuccoli in provincia di Prato e prosegue fino al Monte maggiore nel comune di Calenzano. Si differenzia notevolmente dal resto dell'Appennino per la conformazione calcarea che determina l'assetto idrogeologico. Questo aspetto geologico influenza notevolmente la flora e la fauna, permettendo di far crescere e far abitare rare specie vegetali e animali, infatti dal 2003 il territorio è diventato un'area naturale protetta.  La maggior parte del territorio è ricoperto da carpino, cerro e quercia, nelle zone meno elevati si trovano anche delle zone coltivat ad uliveti. Sul crinale si può incontrare la Calvanina, una razza di mucca a rischio di estinsione. La dorsale montuosa è formata dalla pietra albarese, di colore molto chiaro quasi bianco, materiale utilizzato nell'edilizia e nell'architettura pratese

Una caratteristica importante è la confluenza dei numerosi torrenti in gole e 35 grotte, dove però per accedervi è necessaria un'alta esperienza speleologica. Si consiglia di contattare l'Associazione Speleologica Calenzanese.

In località Valibona, verrà istituito il Parco Storico della Resistenza a ricordo della battaglia del 3 gennaio 1944 fra nazifascisti e partigiani. Il fienile verrà recuperato e trasformato nel Museo della resistenza.
Calenzano
Tra pievi storiche, castelli e imponenti ville-fattoria
Il territorio di Calenzano è stretto fra la catena dei Monti della Calvana e Monte Morello, rilievi prevalentemente formati da rocce calcaree. Tale caratteristica, combinata con gli eventi storici, ha contribuito a modulare in modo armonico l’insediamento umano in questo lembo di terra. ...
Approfondiscikeyboard_backspace