Museo di Villa Caruso di Bellosguardo, Lastra a Signa
account_balanceMusei

Museo di Villa Caruso di Bellosguardo, Lastra a Signa

La villa e il meraviglioso parco ospitano oggi eventi e manifestazioni culturali

Lastra a Signa

La villa e il parco monumentale di Bellosguardo nascono praticamente nel XVI secolo ad opera dell'abate Alessandro Pucci che ristrutturò un vecchio possedimento della propria famiglia con l'intento di creare un ambiente paradisiaco, un vero e proprio "Locus Amenus", nel quale arte e natura potevano convivere esaltando la bellezza di entrambe.

Il parco, costruito su disegno del Tribolo, conteneva sculture di animali esotici che si mischiavano con un gran numero di animali vivi lì presenti, liberi o in recinto, immersi nella ricca vegetazione scientificamente organizzata per spingere i visitatori alla meraviglia. Gli eredi dell'abate Pucci trasformarono Bellosguardo in una villa barocca con ulteriori sculture, opera di artisti come Andreozzi e Franchi, e con la costruzione di una fattoria che avrebbe dovuto mantenere anche il resto della villa. Dopo alcuni secoli di degrado la villa fu acquistata nel 1906 dal grande tenore Enrico Caruso che qui fissò la sua residenza. Con la volontà di abbellire ulteriormente la sua dimora e volendo aiutare i numerosi cittadini di Lastra a Signa che, in un momento di grave crisi della lavorazione della paglia, avevano perso il lavoro, commissionò all'architetto Sabatini e a vari artigiani della zona forti interventi strutturali che avrebbero occupato per diversi anni oltre trecento lavoratori della zona.

Il corpo della villa fu unito a quello della fattoria tramite un lungo porticato sotto il quale fu alloggiata una sala da biliardo e la cappella gentilizia. Il giardino fu arricchito di nuove sculture ad opera di Giuseppe Santelli e elementi scenografici di un certo livello portarono la villa al suo massimo splendore. Dopo la morte di Caruso, nel 1921, la villa passò ai suoi eredi ed infine al conte De Micheli che curò con attenzione il mantenimento di un bene così prezioso. All'iniziò degli anni Settanta la villa cambiò nuovamente proprietario subendo un periodo di forte degrado. Dal 1996 è proprietà del comune di Lastra a Signa.

Il complesso monumentale di Villa Bellosguardo a Lastra a Signa è stato acquisito, dopo anni di degrado, dall'Amministrazione Comunale che da subito lo ha reso visitabile ai propri cittadini con una regolare apertura in tutti i fine settimana e con l'organizzazione continua di manifestazioni ed eventi a carattere principalmente musicale in onore a Enrico Caruso che in questa villa ha dimorato fra il 1906 e il 1921.Allo stesso tempo, seguendo un piano di indirizzo da attuarsi nel medio periodo, le varie strutture sono state in gran parte restaurate.

Il museo è composto da diverse sezioni che nell'insieme hanno il compito di valorizzare il complesso storico, artistico e naturale nel suo insieme. Alla struttura della villa vera e propria si aggiunge un parco monumentale ricco di sculture, fontane ed essenze arboree di un certo pregio. Sia la villa che il parco sono stati organizzati in una serie di percorsi scientificamente cartellonati che ne permettono un'agevole conoscenza. Nella cappella gentilizia e nei suoi annessi è alloggiata la Biblioteca Botanica Amatoriale che attualmente è in fase di ristrutturazione. Un'altra sezione tematica del museo è costituita dal museo della fattoria che con oggetti provenienti dal mondo agricolo si collega fortemente alla realtà di Bellosguardo che sin dalla proprietà Pucci, nel XVI secolo, vedeva nella fattoria adiacente un elemento non solo economico che la integrava.

Il Museo di Villa Bellosguardo, di proprietà comunale, è attualmente gestito dall'associazione senza fine di lucro "Associazione Villa Caruso" che nella sua struttura ricorda l'organizzazione di una moderna associazione/fondazione partecipata con la presenza al suo interno delle più alte autorità comunali.


Orario:

Da lunedì al venerdì ore 8,00-13,00. sabato ore 15,00-19,30, domenica ore 9,00- 12,00 e 15,00-19,30.


Prezzo:
gratuito (a pagamento solo in occasione di concerti e altre particolari manifestazioni).


Accesso handicap:
Si, servoscala e ascensore

Contatti:
via di Bellosguardo,54
LASTRA A SIGNA (FIRENZE)
Telefono: 055 8721783
E-mail: info@villacaruso.it
http://www.villacaruso.it/

Lastra a Signa
Terra di storia, cultura e ottimo vino
I primi insediamenti nell'area di Lastra a Signa risalgono all'epoca etrusco-arcaica, come dimostrerebbero i resti di un abitato di notevoli dimensioni trovati tra Lastra e Villa di Bellosguardo. In epoca romana sorgono numerosi borghi, tra i quali quelli di Malmantile e Bracciatica, lungo il tracciato che collega l'antica Florentia a Pisa. ...
Approfondiscikeyboard_backspace