Photo ©Jon Sullivan
Vino, olio e miele

Bianco Pisano di San Torpè DOC

Nella campagna pisana un percorso tra arte e natura

style
Categoria
Vino, olio e miele
Si sovrappone a quella del Chianti Colline Pisane, e si estende in territori di pianura nelle vicinanze dell’Arno, dell’Egola e dell’Elsa. I comuni del comprensorio sono: Casciana Terme, Capannoli, Chianni, Crespina, Lari, Palaia, Ponsacco, Terricciola e in parte Cascina, Collesalvetti, Fauglia, Laiatico, Lorenzana, Montopoli Valdarno, Peccioli, Pontedera, Santa Luce, San Miniato (in provincia di Pisa) e Collesalvetti (in provincia di Livorno).
Storia e paesaggio
Bianco Pisano di San Torpè DOC - Credit: Valdera Toscana

Il Bianco Pisano di San Torpè è un vino che gli agricoltori delle colline pisane hanno prodotto fin da tempi remotissimi. Nel 1980 hanno pensato di dargli un nome e una disciplina produttiva. Un nome che si richiama a un martire cristiano, soldato di Nerone, che fu decapitato e il cui corpo fu abbandonato su una barca che approdò, nel 68 d.C., in un villaggio della costa francese, che da lui prese il nome: Saint Tropez. La zona dove si produce attualmente il Bianco Pisano di San Torpè era famosa nei secoli scorsi per gli ottimi trebbiani. Una tradizione che è continuata nel tempo e che, pur con le comprensibili evoluzioni, è giunta fino ai giorni nostri. Oggi le aziende sono impegnate nella valorizzazione qualitativa di questo vino e nella sua promozione in Italia e all’estero. Accanto alla tipologia Bianco, la DOC prevede anche il Vin Santo.

I vitigni

Trebbiano toscano 75-100%. Possono concorrere uve di vitigni a bacca bianca fino al 25%. La resa non può superare i 120 quintali per ettaro.

Caratteristiche organolettiche
Vino bianco
Vino bianco - Credit: Lorenzo Vinci

Il Bianco Pisano di San Torpè si presenta con un colore paglierino più o meno intenso, un profumo vinoso, vivace e caratteristico e un sapore secco, armonico, delicato. La gradazione alcolica minima è di 11º per il bianco e di 16º per il Vin Santo. Quest’ultimo non può essere commercializzato prima del 1º novembre del terzo anno successivo a quello di produzione delle uve (e del quarto anno per il Vin Santo Riserva).  Presenta colore dal dorato all’ambrato più o meno intenso; profumo intenso, etereo, aromatico; sapore amabile o secco, armonico, con retrogusto caratteristico.

Consigli di degustazione
Pesce fresco
Pesce fresco

Il Bianco Pisano di San Torpè è un vino da bersi giovane, che ben si accompagna con la cucina pisana di pesce, dalle zuppe ai frutti di mare, oppure con pesci nobili al cartoccio; per un’alternativa più fantasiosa, si può scegliere di berlo in abbinamento con il pesce crudo.

&
Enogastronomia