fb track
Trequanda
Photo ©Comune di Trequanda

Trequanda

nelle terre di Siena un borgo ricco di storia

Leggi la storia Trequanda su logo toscana ovunque bella Trequanda - Scopri Trequanda, tra mistica, tradizione e cultura popolare - Toscana Ovunque Bella Trequanda Scopri Trequanda, tra mistica, tradizione e cultura popolare Viaggio a Trequanda, un paese ricco di tradizioni e antiche storie.Leggi la storia

Trequanda è un delizioso borgo della caratteristica campagna senese, arroccato su uno dei fascinosi poggi della Val di Chiana. Un tempo l’abitato era protetto da possenti mura, oggi ad avvolgerlo sono le atmosfere autentiche che questa parte di Toscana riesce a regalare.

Per conoscerne il cuore vi si accede a passo felpato da una delle due porte della cinta muraria che si sono conservate: la Porta al Sole, che si affaccia sui campi sconfinati, e la Porta al Leccio, che si apre verso i boschi del Lecceto. Nel paese si incontra presto il maestoso Castello della famiglia dei Cacciaconti, con l’alta torre in pietra bianca e le mura merlate. All’interno della fortificazione vi sono un magico giardino all’italiana e un’ariosa corte. Nel centro storico, in piazza Garibaldi, si affaccia la chiesa romanica dei Santi Pietro ed Andrea, con la sua particolare facciata, al cui interno è conservata un’urna istoriata del Cinquecento, di scuola senese, adibita a conservare le spoglie della Beata Bonizzella Cacciaconti.

Non lontano dal centro è presente, inoltre, una singolare costruzione, detta Torre del Molino a Vento, che è un colombaio che risale a fine Settecento. All’interno si osservano circa cinquecento nidi di terracotta disposti a scacchiera che erano destinati ad accogliere i colombi.

Trequanda, però, non finisce qui. A farle compagnia in maniera impeccabile sono altri due piccoli borghi, sue graziose frazioni: Castelmuzio e Petroio, che sono tenuti lontani dal capoluogo solo da fruttuosi oliveti, tanto che il territorio fa parte della rete delle Città dell’Olio.

Castelmuzio, di origine etrusca, si può dire essere fatto da un’unica strada, intorno alla quale si affollano, senza troppa pressione, le sue case in pietra, che al tramonto rivelano un bellissimo color miele. Degna di nota è la Confraternita della Santissima Trinità e di San Bernardino, dove un tempo si trovava un punto di sosta per i pellegrini in viaggio lungo la Via Francigena. Oggi nella chiesa si trova un Museo di Arte Sacra, con opere di Giovanni di Paolo e Giuliano Traballesi, oltre al reliquiario con i frammenti della veste di San Bernardino.

Eccoci poi al borgo di Petroio, dove la ruvidità delle facciate a mattoni ricorda quella della terra delle brulle crete senesi. Qui si incontrano l’antica chiesa di San Giorgio, in posizione panoramica, e il Museo della Terracotta. Un tempo la lavorazione di questo materiale dava lavoro a tutto la cittadina, oggi se ne possono conoscere le tecniche e la storia, in una visione ampia che ci parla anche dell’artigianato tradizionale senese.

&
LE ATTRAZIONI PIù RICERCATE A  Trequanda
&
Il territorio
Valdichiana

Val di Chiana Senese

Rapsodia in blu nella Toscana etrusca
La Val di Chiana Senese ha confini sfumati come la lievità delle sue albe, come il rosseggiare dei tramonti che si riflettono nel mare immoto delle Crete, sulle biancane di raro fascino, negli ...
Approfondiscikeyboard_backspace