Torrita di Siena

Torrita di Siena

Origini etrusche e romane per lo storico borgo senese posto su un colle della Val di Chiana

Leggi la storia Torrita di Siena su logo toscana ovunque bella Torrita di Siena Il sapore della storia e della leggenda Leggende e tradizioni a Torrita di SienaLeggi la storia
Antico borgo su una collina nel versante occidentale della Valdichiana , in provincia di Siena, ha nel suo territorio tracce di insediamenti etruschi e romani, anche se difficoltosa è la ricostruzione della loro storia. Le prime testimonianze documentali dell'esistenza di Torrita risalgono al 1037, quando la denominazione compare per la prima volta in un codice Amiatino . L'evoluzione di Torrita vede nel corso dei secoli la trasformazione da pagnus a castrum, ovvero da villaggio a borgo circondato da mura e fortificazioni. Infatti sotto il dominio della Repubblica di Siena, Torrita, insieme a Ciliano e Montefollonico, viene posta a baluardo in difesa dei confini dello Stato Senese, nella secolare lotta contro i Fiorentini che avevano in Montepulciano il loro punto estremo di conquista. Il Castello di Torrita era protetto da una cinta muraria munita di torri ed dotato di tre porte: Porta a Gavina, Porta a Pago e Porta a Sole.
 
Nel XIX secolo venne aperta Porta Nuova. Innumerevoli sono gli episodi bellici che vedono Torrita coinvolta nell'arco di tre secoli al fianco di Siena contro Firenze. Di alcune battaglie restano immortalate le immagini negli affreschi della Sala del Mappamondo all'interno del Palazzo Comunale di Siena: i Gonfalonieri della Repubblica Senese affidarono al pittore Lippo Vanni l’incarico di commemorare la vittoria e le scene hanno come sfondo la Valdichiana ed il Castello di Torrita. A seguito dei avari eventi bellici le mura della cittadina più volte vennero danneggiate. Nel 1528 l'Architetto Baldassarre Peruzzi ne riprogettò l'intera ristrutturazione.

Nel 1557 Torrita entra a far parte del Granducato di Toscana in conseguenza di una dura sconfitta inflitta dall'esercito di Carlo V alleato con Firenze. Diversi cronisti dell'epoca si occuparono della resa del castello di Torrita, sia per la posizione strategica avuta nel quadro dello scacchiere difensivo senese, sia per la fertilità delle sue campagne, le quali erano considerate "il granaio di Siena".

Cover image credit: TOB

&
LE ATTRAZIONI PIù RICERCATE A  Torrita di Siena
people
Le voci della rete