fb track
Pratovecchio
Photo ©Vignaccia76

Pratovecchio Stia

Alla scoperta dell'abilità artigiana nei borghi del Casentino

Leggi la storia Pratovecchio Stia su logo toscana ovunque bella Pratovecchio Stia - Tenaci come un ricciolo di Casentino - Toscana Ovunque Bella Pratovecchio Stia Tenaci come un ricciolo di Casentino Panno Casentino, Stia, Lanificio di Stia, Giovanni Sartori, Famiglia LombardLeggi la storia

Il Comune di Pratovecchio Stia si trova nei paesaggi inconfondibili del Casentino, tra boschi evocativi e luoghi di fede carichi di spiritualità, in uno scenario ideale per gli amanti della natura, della montagna e del trekking che non perderanno lo splendido Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna.

Pratovecchio ha tra i vanti quello di aver dato i natali a Paolo di Dono, detto Paolo Uccello, splendido artista rinascimentale e maestro della prospettiva. L’architettura di questo piccolo borgo medievale è la fedele espressione della sua storia. Una storia di fede, testimoniata dalla presenza, nel borgo, di due monasteri di suore camaldolesi e domenicane; e di potere, rappresentata plasticamente dalla presenza del maestoso Castello di Romena, una fortezza dei Conti Guidi, citata anche da Dante nel XXX canto dell’Inferno.

Il Castello domina da una posizione vantaggiosa tutto il Casentino, ne restano in piedi il cassero, tre torri e parte delle tre cerchie murarie. Al cassero si accede da una torre, dotata di un affascinante ponte levatoio e circondata da un fossato, e una volta all'interno si possono vistare la casa del Podestà – il palazzo residenziale dei conti Guidi di Romena –, e il mastio, la torre più alta.

Non lontano dal borgo sorge l’imponente Pieve di San Pietro a Romena, una delle maggiori testimonianze dell’architettura romanica nel Casentino. La facciata, semplice e rustica, è fatta di pietre conce, mentre alla sua sinistra svetta un tozzo ma solido campanile.

Il centro storico di Stia, invece, si raccoglie attorno a un’agorà tutta fiancheggiata da portici, Piazza Tanucci. Sull’omonima via si affaccia la bella Pieve di Santa Maria Assunta, la cui costruzione risale al XII secolo. All’interno, tra le altre opere d’arte, si possono ammirare uno Stemma in terracotta policroma della famiglia Buonafede, opera della bottega di Andrea della Robbia; una bella Annunciazione di Maria e Santi, di Bicci di Lorenzo; e infine una notevole Vergine col Bambino e due Angeli della scuola di Cimabue o forse addirittura un’opera giovanile di Giotto. Altre tracce del lontano medioevo si possono ammirare nel Palagio Fiorentino, antica dimora dei Conti Guidi, che oggi ospita una interessante collezione di arte contemporanea.

Poco distante dall’abitato si possono visitare la maestosa torre di Castel Porciano, che domina l’intera valle nel primo tratto dell’Arno, e il Santuario di Santa Maria delle Grazie, completamente circondato da boschi.

Pratovecchio Stia è anche artigianato, grazie alla nota produzione del panno casentino, che ha avuto un importante ruolo nell’economia locale. L’antico lanificio oggi ospita l’interessante Museo dell’Arte della Lana. Non solo morbidezze del tessuto, ma anche lavori intensi come l’arte fabbrile, che qui si è meritata una biennale con tanto di Campionato del mondo di forgiatura. Spazio anche per materiali più teneri con la manifestazione Forme del legno, dedicata alla cultura di questa lavorazione.

&
LE ATTRAZIONI PIù RICERCATE A  Pratovecchio Stia
&
Il territorio
Foliage, Casentino

Casentino

Una vallata boschiva circondata dagli Appennini, che accoglie i luoghi della fede
Terra di boschi e monumenti della fede, di silenzi profondi e di rivoluzioni dell’anima, il Casentino parla il linguaggio della meditazione e del raccoglimento. ...
Approfondiscikeyboard_backspace