natureElementi naturalistici

Il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna

Un’atmosfera magica ai piedi dell'Appennino

Casentino

È il parco più verde d'Italia e d’autunno si tinge di mille colori, tanto che è uno dei luoghi migliori per ammirare il foliage, ovvero lo spettacolo delle foglie che si tingono di tutte le sfumature del rosso, giallo e arancione.

È il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna: una delle aree forestali più incontaminate d’Europa, vera oasi di natura e silenzio che si estende a cavallo tra la Toscana e l’Emilia Romagna, dove vivono caprioli, cervi, daini, cinghiali e anche il lupo, che dopo una lunga assenza è tornato in anni recenti a popolare con successo quest'angolo di Appennino.

combattimento-daini-parco-foreste-casentino - Credit: Parco Nazionale Foreste Casentinesi

La superficie del Parco si estende per oltre 38mila ettari, dal Monte Falterona a nord al Passo dei Mandrioli a sud e il paesaggio cambia tra un versante e l'altro: dolce quello toscano ripido e accidentato quello romagnolo. Gli splendidi boschi nascondono eremi e monasteri, come La Verna e Camaldoli, scelti nell’antichità come luoghi ideali per coltivare la spiritualità e la meditazione, immersi nella natura e lontano dalle insidie del mondo.
Le nobili e storiche foreste sono rimaste intatte nei secoli grazie alla lungimiranza di monaci e amministratori forestali: qui si trovano le antiche foreste del Granducato di Toscana, quelle che rifornivano di legname pregiato gli arsenali di Livorno e di Pisa e l’Opera del Duomo di Firenze.

Le cascate dell'Acquacheta
Le cascate dell'Acquacheta

Nel Parco si possono ammirare cascate fiabesche come quella dell'Acquacheta, descritta già da Dante nella Divina Commedia, ma anche luoghi splendidi come Castagno d’Andrea, splendido borgo immerso nelle marronete, ovvero i boschi di secolari castagni coltivati per la produzione di marroni che un tempo costituivano la base alimentare della gente di montagna.
Da qui si può partire per un’escursione al Monte Falterona, dove si trovano le sorgenti del fiume Arno e il Lago degli Idoli, antichissimo luogo di culto degli Etruschi e il più importante sito archeologico del Casentino.

Le splendide Foreste Casentinesi
Le splendide Foreste Casentinesi - Credit: Francesco Ciabatti

Tra i luoghi più belli da visitare anche il Lago di Ponte, un bacino artificiale perfettamente inserito nel situato in una delle zone più ricche di sentieri del Parco, ma anche il pittoresco borgo medievale di San Benedetto in Alpe, gli antichi mulini di Fiumicello e Castel dell’Alpe, dove le macine sono ancora funzionanti, il Monte Penna, splendido punto panoramico sull foresta della Lama e su gran parte delle valli che scendono verso la Romagna. Lo spettacolo dalla cima del monte è uno dei più suggestivi dell’Appennino: a perdita d’occhio foreste secolari e nelle giornate limpide si arriva a scorgere anche la costa adriatica.

L’area protetta si può visitare con piacevoli escursioni a piedi, in mountain bike, a cavallo o, in inverno, con gli sci da escursionismo lungo gli oltre 650 chilometri della rete sentieristica.

Info: parcoforestecasentinesi.it

Cover image credit: Varda HB

Bibbiena
Il paese del panno di Casentino e dei castelli, dell'archeologia e delle chiese
Roccaforte medioevale, il nucleo antico di Bibbiena è posto sulla sommità di un colle dal quale emerge la Torre Tarlati. Tra i monumenti più significativi del luogo ricordiamo il cinquecentesco Palazzo Dovizi alla cui famiglia appartenne il Cardinale Bernardo detto il "Bibbiena" (1470/1520) segretario di Papa Leone X, diplomatico ed autore della Commedia "La Calandria", specchio della società ...
Approfondiscikeyboard_backspace