La Strada del Vino Chianti di Montespertoli

Antiche vie su rigogliose colline

Nel tipico paesaggio del Chianti Fiorentino, Montespertoli è facilmente raggiungibile dalle più importanti vie di comunicazione della Toscana. Il capoluogo sorge a 257 m. s.l.m, a soli 25 km da Firenze ed in posizione equidistante da Siena, Pisa, Volterra e San Gimignano. Montespertoli, con i suoi vigneti, le cantine e la Mostra del Chianti, è una delle capitali del vino toscano che è uno degli elementi caratterizzanti e più rinomati di tutto il territorio. La zona di Montespertoli è votata alla coltivazione della vite per idonee condizioni climatiche ed ottime caratteristiche fisiche. La produzione di Chianti è il primo obiettivo dei nostri produttori e dal 1997 è stata riconosciuta la sottozona “Chianti Montespertoli”.

Prodotti tipici

La tradizione di Montespertoli affonda le radici nella cultura del buon bere e buon mangiare, ed è per questo che non può mancare, all’interno del percorso alla scoperta di un vero paese toscano, una sosta nelle numerose cantine, fattorie e frantoi del territorio, dove si producono gli eccellenti Chianti Montespertoli e Chianti Colli Fiorentini, l’Olio extra Vergine di Oliva doc, il Vin Santo del Chianti e gli IGT Toscana. Questi sono i luoghi dove il “saper fare” degli artigiani di un tempo, non ha mai smesso di esistere. Il pane delle nostre terre viene quasi tutto prodotto ancora tutto prodotto ancora con i sistemi e le caratteristiche artigianali di un tempo. Farina di prima scelta, acqua e lievitazione naturale ne fanno un alimento gradevole, soffice e ben digeribile. I panificatori presenti nel territorio, ne sfornano all’incirca 50 quintali al giorno, quasi tutto “a filoni”, acquistato poi non dai grandi centri di distribuzione, ma dai piccoli negozi di alimentari del centro di Firenze e dei comuni vicini. Nelle nostre valli si trova in abbondanza anche il tartufo bianco, delicato tubero ricercato nella gastronomia d’eccellenza, cresce da noi in ambienti e terreni non inquinati.

Per accompagnare dolci, cantuccini e alcuni formaggi stagionati, la cucina montespertolese propone invece il Vin Santo, vino a colore ambrato più o meno carico, che è per le sue particolari caratteristiche organolettiche viene invece consumato come dessert quando ha caratteristiche dolci e impiegato come aperitivo quando ripresenta secco. Dal 1997 è stata riconosciuta la denominazione di origine controllata “Vin Santo del Chianti” sottozona Montespertoli. 

Le campagne di Montespertoli
Centri culturali, enoteche e musei

Il Museo di Arte Sacra, che ha sede nella canonica di San Piero in Mercato, conserva dei veri tesori, da una Madonna di Filippo Lippi ai preziosi parati, argenterie, paramenti sacri. Per immergersi nella cultura del vino, invece, il Centro per la Cultura del Vino “I Lecci” propone visite al Museo del Vino e degustazioni di prodotti tipici posto si su uno splendido crinale, nel magnifico scenario della via Lucardese. Il Centro propone la soluzione più moderna ed originale per l’organizzazione di congressi, convention, convegni, conferenze, workshop, presentazione prodotti, mostre, serate di gala con auditorium e salette minori oltre al Museo del Vino, anima della struttura, un percorso che raccoglie le testimonianze della cultura del prodotto principe del territorio, il vino, attraverso un percorso di ricerca che illustra, oltre alle fasi della produzione, il valore della della terra e della sua coltivazione. L’Enoteca I Lecci è il punto ideale per un originale coffee break in un ambiente raffinato ed elegante che si presta particolarmente bene a tranquilli pranzi di lavoro, degustando i piatti della tradizione toscana, rigorosamente preparati con prodotti di provenienza locale ed accompagnati da un eccellente Chianti Montespertoli DOCG e dagli altri grandi vini della tradizione di Montespertoli.

Itinerari turistici
Bottiglie di vino in cantina - Credit: Toscana Promozione Turistica

Montespertoli è la meta ideale per un viaggio alla scoperta delle testimonianze del medioevo, tra i maestosi castelli che circondano il capoluogo, nei borghi di Lucardo, Botinaccio, Poppiano, Montegufoni e Sonnino e le chiese, di struttura semplicissima, come la suggestiva Pieve di San Piero in Mercato e San Martino e San Giusto a Lucardo. Testimonianze del Rinascimento si trovano nelle chiese di Sant’Andrea a Montespertoli e San Lorenzo a Montegufoni, dove, dall’altare maggiore, si impone alla vista il Crocifisso di Taddeo Gaddi

Esiste un luogo dove l’arte e la storia possono essere respirate e ammirate da vicino in un percorso che rapisce l’attenzione: la via di Castiglioni, un itinerario che coinvolge il visitatore nella scoperta degli indizi relativi a tre paesaggi: quello delle fattorie di periodo romano fra la metà del I sec. a.C. e la fine del II sec. d.C. - le villae, quello del sistema delle chiese, articolato in Pivieri e Popoli in periodo medievale e rinascimentale e quello mezzadrile.

 

Info: chianti-montespertoli.it

&
Strade del Vino, dell'Olio e dei Sapori