Monterchi e le sue chiese

Piccoli gioielli di architettura nel cuore della natura

Chiesa di San Simeone - La chiesa è indubbiamente di origini assai remote sembra risalire addirittura all'alto medioevo. Nel 1830 date le condizioni fu fatta completamente demolire e ricostruire dall'arciprete Valbonesi, Rimase gravemente danneggiata dal terremoto del 26 aprile 1917 e poi completamente ricostruita. Al suo interno meritano particolare attenzione tre bassorilievi in pietra arenaria del sec. XV, un crocifisso ligneo del sec. XV, un bel ciborio in terracotta policroma del Sec. XV, un pulpito in pietra del sec. XVI con Ercole che uccide l'Idra nonche tele dei sec. XVI e XVII.

Chiesa di San Michele Arcangelo a Padonchia  - Restaurata negli anni 1989/90. All'interno della chiesa, oltre ad alcuni elementi architettonici molto antichi come i quattro peducci figurati che reggevano la volta del presbiterio e le due eleganti arcate gotiche del lato destro, si conservano una Madonna con Bambino della prima metà del '400, un San Michele Arcangelo che in veste di guerriero scaccia con un piede il diavolo e lo trafigge con la lancia (prima metà del '400), un San Sebastiano trafitto, un santo monaco benedicente, una pietà, di fine composizione dei primi del '500, un San Cristoforo che traghetta il bambino, un San Martino che divide il mantello, San Rocco e San Sebastiano e una bella tela raffigurante il patrono San Michele Arcangelo.

Chiesa di S. Apollinare alla Villa del Poggio - Probabilmente risalente al VII/VIII secolo, di stile romanico, situata in un colle a quota 393 s.m. presenta tre parti distinte: la navata con muratura a filaretto regolare di blocchi di pietra di pezzatura media, l'abside semicircolare, più antica e più bassa rispetto alla nave con muratura di blocchi a ricorsi di altezza diversa, il campanile a vela, impostato sull'abside, con motivi decorativi seicenteschi. Nel campanile c'è una campana del sec. XV con iscrizione gotica

Chiesa di S. Michele Arcangelo a Pianezze  - Sorge a mezza costa del monte Caianello a quota 410 mt. Conserva inalterate alcune caratteristiche dello stile romanico: il soffitto con capriate in legno ed il pavimento in cotto. Il campanile a vela è stato ricostruito recentemente. In questa chiesa si conservano un affresco pregevole del sec. XVI, restaurato nel 1998, raffigurante la Madonna della Misericordia e un'antica Pietà (la Vergine con in braccio Gesù morto) in terracotta policroma di buona fattura.

Chiesa di Santa Maria a Scandolaia  - La chiesa di Scandolaia, che sorge ai piedi delle rovine del castello di Montagutello, alle pendici del monte Felcino, risale almeno al sec. XII, ma della primitiva costruzione non resta altro che la bella abside semicircolare. In questa chiesa si venerava un'antichissima icona lignea della Madonna con il Bambino che nel 1998 è stata restaurata e collocata nella chiesa di Le Ville.

Chiesa di Santa Maria a Scandolaia  - La chiesa di Scandolaia, che sorge ai piedi delle rovine del castello di Montagutello, alle pendici del monte Felcino, risale almeno al sec. XII, ma della primitiva costruzione non resta altro che la bella abside semicircolare. In questa chiesa si venerava un'antichissima icona lignea della Madonna con il Bambino che nel 1998 è stata restaurata e collocata nella chiesa di Le Ville. 

 

 

&
Scopri questa zona turistica
Valtiberina
L'Alta valle del Tevere, o Valtiberina, è il lembo più orientale della Toscana e trae il nome dal fiume che l'attraversa in tutta la sua lunghezza, fino al confine con l'Umbria. ...
Scopri Valtiberinakeyboard_backspace