Photo ©Sailko
account_balanceMusei

Il Museo del Calcio di Firenze

Un viaggio nella storia degli Azzurri

Firenze

Il Museo del Calcio si trova a Firenze all’interno del Centro Tecnico Federale di Coverciano e raccoglie il passato ed il presente della Nazionale Italiana di calcio.

Visitare il Museo del Calcio rappresenta un’occasione unica per rivivere le emozioni forti, i sentimenti contrastanti legati alla nostra Nazionale. Ma non solo: scarpe, palloni, cimeli, coppe, gagliardetti e maglie storiche, tutti custoditi gelosamente all’interno del museo, raccontano una storia che va oltre un terreno di gioco. È la Storia del nostro Paese. Da quel lontano 16 marzo 1898, giorno di nascita della FIGC, ai successi degli Azzurri negli anni trenta. Le maglie nere ed i trionfi mondiali. La strage di Superga e la disfatta al mondiale inglese del ’66, contro la Corea del Nord. La rinascita due anni dopo, nel successo europeo del ’68, e gli immancabili ricordi delle ultime due Coppe del Mondo alzate al cielo, nel 1982 e nel 2006. La pipa di Bearzot e la maglia di Cannavaro.

Il Museo del Calcio
Il Museo del Calcio

All’interno del Museo si trovano anche i cimeli e le maglie dei grandi campioni che hanno reso il calcio lo sport più popolare al mondo: da Di Stefano a Pelé, fino a Maradona. Giocatori entrati nel mito, le cui storie si sono intrecciate a doppio filo con quella dell’Italia.

Entrare al Museo del Calcio vuol dire anche poter visitare il Centro Tecnico Federale di Coverciano, la casa della Nazionale Italiana di calcio. Vedere da vicino e conoscere i luoghi dove si allenano gli Azzurri, dove sono passati i più grandi campioni del calcio italiano.

Firenze
Una città sorprendente, in cui perdersi tra arte, storia, moda e tradizione
Chiunque intenda visitare la Toscana non potrà che passare da Firenze: la città del giglio è uno scrigno di tesori artistici e centro di una fervida vitalità. Oltre all’eccezionale patrimonio d'arte, testimonianza della sua secolare civiltà, è possibile godersi Firenze passeggiando al tramonto lungo gli incantevoli lungarni, addentrandosi tra i vicoli bohémien dell’Oltrarno o perdendosi nelle ...
Approfondiscikeyboard_backspace