San Michele Arcangelo, Antonio Del Pollaiolo
account_balanceMusei

Museo Bardini, Firenze

Il dipinto più celebre della collezione è il San Michele Arcangelo di Antonio Del Pollaiolo

Via dei Renai, 37

Ha sede in un bel palazzo ricostruito da Stefano Bardini alla fine dell’Ottocento e lasciato nel 1922 al Comune di Firenze dallo stesso proprietario, antiquario di fama che raccoglieva oggetti d’arte di ogni epoca e valore. La costruzione stessa è singolare per l’impiego nelle porte, finestre, architravi, di pezzi antichi provenienti da chiese o ville distrutte; anche i soffitti sono magnifici esemplari lignei veneziani e toscani dei secoli XV-XVII. La composita eredità comprendente sculture, dipinti, mobili, ceramiche, arazzi, armi e tappeti, ma anche frammenti salvati dalla distruzione dell’antico centro cittadino, è stata sistemata al piano terreno e al primo piano, secondo criteri che rispecchiano il carattere di raccolta privata, con una ricerca di ambientazione alquanto suggestiva.

Oltre ai sarcofaghi romani, ai capitelli, ai rilievi di epoca romanica e gotica, la scultura è ben rappresentata da opere dei Della Robbia (sec. XV-XVI), da opere attribuite a Donatello e a Nino o Giovanni Pisano, oltre alla famosa Carità di Tino di Camaino (1280 ca-1337).
Il dipinto forse più celebre della collezione è il San Michele Arcangelo di Antonio Del Pollaiolo (1431-1498); ma altre opere pregevolissime si possono rintracciare tra le raccolte d’armi, o di stucchi policromi quattrocenteschi e tra le sculture lignee. Importante è anche la collezione di strumenti musicali antichi.

Al secondo piano del palazzo è stata ordinata la collezione Corsi costituita da opere di varie epoche dal XII al XIX secolo, donata nel 1938 al Comune dalla Signora Carobbi vedova Corsi.

Accesso handicap:

Il marciapiede è raccordato alla strada al passaggio pedonale. Occorre avvisare il personale all’ingresso principale (Via dei Renai 37) per farsi aprire l’ingresso laterale, all’uscita, in Piazza dei Mozzi n. 1. La soglia del portone è rialzata 2 cm, in entrata. Il museo è in gran parte accessibile con rampa mobile e ascensore (la sala d’Armi e dei della Robbia non sono accessibili). A piano terra è presente un bagno per disabili.  


Contatti:
Via De'Renai, 37
FIRENZE (FIRENZE)
Telefono: 055 2342427 (museo) 055 2625940 (comunicazione musei civici Firenze)
E-mail: gestione.musei@comune.fi.it

 

Firenze
Una città sorprendente, in cui perdersi tra arte, storia, moda e tradizione
Chiunque intenda visitare la Toscana non potrà che passare da Firenze: la città del giglio è uno scrigno di tesori artistici e centro di una fervida vitalità. Oltre all’eccezionale patrimonio d'arte, testimonianza della sua secolare civiltà, è possibile godersi Firenze passeggiando al tramonto lungo gli incantevoli lungarni, addentrandosi tra i vicoli bohémien dell’Oltrarno o perdendosi nelle ...
Approfondiscikeyboard_backspace